lunedì, 18 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dal Porcellum al Barattellum
Pubblicato il 08-11-2012


È veramente magnifico il modo in cui si sta affrontando il capitolo della nuova legge elettorale. Un vero spettacolo. Uno pensa che la legge elettorale debba servire a delineare un sistema politico, o quanto meno a renderlo più efficace per produrre governabilità e corretta rappresentanza insieme. Invece il confronto che si sta sviluppando è tutto incentrato sull’interesse di parte e condotto secondo la logica del baratto.

Il premio di maggioranza del Porcellum è di dubbia costituzionalità perché consente anche a chi ottiene la più cospicua delle minoranze di conseguire il 55 per cento dei seggi alla Camera? E allora si fissi una soglia minima per ottenerlo. E siccome i sondaggi danno per probabile che la prima lista sia quella incentrata sul Pd, ecco che il Pdl propone una soglia molto alta e oggi irraggiungibile e cioè quella del 42,5 per cento, che va bene anche a Casini perché gli permette di fare l’ago della bilancia.

È evidente, però, che qualcosa deve essere concesso anche al Pd ed ecco che salta fuori il premio alla prima lista, o premietto, che dovrebbe essere però tale da non permetterle di raggiungere la maggioranza assoluta. Uno a uno, secondo l’indicazione un po’ stravagante del professor D’Alimonte. Poi c’è il nodo delle preferenze, alle quali il Pd è ostile, Casini è favorevole e il Pdl non si sa. Il pacchetto potrebbe essere unico, e cioè premio come vuole il Pdl, premietto come vuole il Pd, preferenze come vuole Casini, sbarramento al 4/5 per cento come vogliono tutti e tre. In più sbarramento-contentino anche di collegio per far sopravvivere la Lega. Bella legge, non c’è che dire. Dal Porcellum al Barattellum.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento