giovedì, 19 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dl Sanità: dai medici h24 alla stretta su fumo, alcol e giochi
Pubblicato il 01-11-2012


Dall’assistenza h24 all’intramoenia, dalla stretta sul fumo a quella sui giochi: sono tante le novità contenute nel decreto sanità messo a punto dal ministro della Salute Renato Balduzzi, diventato legge dopo il via libera definitivo del Senato con il voto di fiducia. Un provvedimento di 16 articoli. Fra i punti piu’ importanti: la riforma della medicina territoriale che andrà a modificare il rapporto tra i cittadini e i medici di famiglia, che dovranno organizzarsi in ‘squadre’ e garantire un’assistenza h24 ai pazienti, e una serie di misure di contrasto a cattive abitudini, pericolose per la salute, come il fumo e il gioco d’azzardo a rischio dipendenza.

DIVIETI E SANZIONI PER ALCOL E FUMO AGLI UNDER 18 – Nel campo della promozione di corretti stili di vita, spicca l’introduzione del divieto di vendita di prodotti del tabacco agli under 18. La sanzione per il tabaccaio va da 250 a 1000 euro, nel caso di recidiva la sanzione sale da 500 a 2000 euro, fino alla sospensione, per tre mesi, della licenza. Stesso divieto anche per l’alcol: chiunque vende bevande alcoliche ha l’obbligo di chiedere all’acquirente l’esibizione di un documento di identita’, tranne nei casi in cui la maggiore eta’ dell’acquirente sia manifesta.

IL GOVERNO DA’ GUERRA AL GIOCO – Il Dl Balduzzi dichiara guerra anche alla ludopatia: si’ agli spot sul gioco ma con alcune restrizioni. E’ previsto infatti il divieto su ogni tipo di media (giornali, riviste, tv, radio, teatro, cinema e internet) alle pubblicita’ che inducono al gioco dove e’ prevista vincita in denaro a meno che non siano ben presenti formule di avvertimento sul rischio di dipendenza e info sulle probabilita’ di vincita. A tutela dei minori viene inoltre stabilito che il ministero dell’Istruzione, dell’universita’ e della ricerca segnali alle scuole primarie e secondarie la valenza educativa del tema del gioco responsabile affinche’ gli istituti possano predisporre iniziative didattiche per far capire ai ragazzi il senso autentico del gioco e i potenziali rischi connessi all’abuso.

CONTROLLI SERRATI PER GLI SPORTIVI – Piu’ controlli anche per chi fa sport a livello amatoriale. Le visite mediche di idoneita’ saranno piu’ stringenti, e circoli sportivi e palestre dovranno dotarsi di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri dispositivi salvavita. In materia di sicurezza alimentare, la novita’ piu’ importante riguarda l’introduzione di una norma che stabilisce che le bevande analcoliche vendute con denominazioni di fantasia, il cui gusto e aroma fondamentale deriva dal loro contenuto di essenze di agrumi, o di paste aromatizzanti di agrumi, devono essere commercializzate con un contenuto di succo naturale non inferiore al 20%.

L’ASSISTENZA TERRITORIALE E’ H24 – In materia strettamente sanitaria la novita’ piu’ significativa e’ senz’altro la riforma delle cure primarie. L’articolo 1 ridisegna infatti l’assistenza territoriale, con l’obiettivo di garantire l’attivita’ h24, vale a dire per l’intero arco della giornata e per tutti i giorni della settimana. In pratica, le regioni avranno il compito di organizzare l’assistenza primaria secondo modalita’ operative monoprofessionali denominate aggregazioni funzionali territoriali (Aft) e forme organizzative multiprofessionali denominate unita’ complesse di cure primarie (Uccp).

NOVITA’ PER IL PERSONALE SANITARIO – Per i medici di medicina generale e’ istituito il ruolo unico, fermi restando i livelli retributivi specifici delle diverse figure professionali. E ancora: le Regioni possono, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, prevedere la presenza, nelle medesime strutture sulla base della convenzione nazionale, di personale dipendente del Servizio sanitario nazionale. Semaforo verde alla riforma della libera professione intramoenia dei medici ospedalieri. Le aziende sanitarie devono procedere a una definitiva e straordinaria ricognizione degli spazi disponibili per le attivita’ libero-professionali ed eventualmente possono, con un sistema informatico speciale, utilizzare spazi nelle strutture sanitarie esterne, ovvero autorizzare i singoli medici a operare nei propri studi. Tutta l’attivita’ dovra’ pero’ essere messa in rete per dare trasparenza e avere tracciabilita’ di tutti i pagamenti effettuati dai pazienti. Novita’ anche per quanto riguarda le nomine dei dirigenti sanitari. Dovranno essere garantite misure di pubblicita’ dei bandi, delle nomine e dei curricula, nonche’ trasparenza nella valutazione degli aspiranti.

LE RESPONSABILITA’ DEI CAMICI BIANCHI – Previsto anche l’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza, tenendo conto anche di nuove patologie emergenti con riferimento prioritario alla malattie croniche, rare e al fenomeno della ludopatia. Novita’ anche in materia di responsabilita’ professionale dei camici bianchi, che se si attiene a linee guida e a buone pratiche accreditate dalla comunita’ scientifica nazionale e internazionale risponde dei danni solo in caso di dolo o colpa grave. In sede civile anche per colpa lieve, invece. E ancora, vengono migliorate le norme che regolano il partenariato pubblico-privato in materia di edilizia sanitaria, ampliando la possibilita’ di collaborazione tra investitore privato e azienda sanitaria pubblica.

COME CAMBIA IL PRONTUARIO NAZIONALE – Tante novita’ anche in campo farmaceutico. Tra le piu’ significative, la disponibilita’ immediata dei farmaci innovativi e la revisione straordinaria del Prontuario nazionale: entro il 30 giugno 2013 l’Aifa, sulla base delle valutazioni della Commissione consultiva tecnico-scientifica e del Comitato prezzi e rimborso, provvede a una revisione straordinaria del Prontuario, collocando in Fascia C i farmaci considerati terapeuticamente superati. Infine, le Regioni sono autorizzate a sperimentare sistemi di riconfezionamento, anche personalizzato, e di distribuzione dei medicinali agli assistiti in trattamento nelle strutture ospedaliere e residenziali, per eliminare sprechi di prodotti e rischi di errori e di consumi impropri.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento