venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Election day, il Pdl minaccia la crisi di governo, Bersani: «Bisogna evitarla»
Pubblicato il 15-11-2012


Continua il braccio di ferro sull’”election day” tra i segretari di Pdl e Pd. Oggi il partito delle libertà sembra essere tornato a minacciare la crisi di governo qualora non dovessero essere accorpate le elezioni regionali di Lazio, Lombardia e Molise – fissate dal Viminale al 10 e 11 febbraio – con quelle politiche, previste per il 7 aprile. La decisione avrebbe preso forma in seguito a un pranzo al quale hanno partecipato i fedelissimi del Cavaliere: l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Gianni Letta, Denis Verdini, coordinatore nazionale del partito e il segretario Angiolino Alfano. Sulla questione è tornato a esprimersi il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani che ha invitato a «rispettare prerogative del Quirinale».

IL PDL E I TONI DA ULTIMATUM   Sembra che il partito di Berlusconi abbia inviato una lettera al capo dello Stato dai toni ultimativi: o si procede al voto unificato o ci sarà la crisi di governo. Il segretario Alfano resta fermo sulle sue posizioni e spiega che l’eventuale crisi di governo «molto dipende da Bersani e la mediazione non spetta a noi, ma all’esecutivo». Prima di procedere alla prossima mossa, il Pdl attenderà dunque il Consiglio dei ministri previsto per domani. A favore dell’“election day” unico si è espresso il presidente della Camera, Gianfranco Fini, secondo il quale in questo modo si risparmierebbe «qualche decina di milioni di euro». Sulla questione si è pronunciato anche il capo del Senato, Renato Schifani spiegando che è «necessaria una mediazione» e dichiarandosi «fiducioso sul fatto che si possa trovare una soluzione che accontenti tutti».

BERSANI, CAMBIARE LA LEGGE ELETTORALE Se si intende considerare l’ipotesi di elezioni anticipate, Bersani ha esortato a modificare la legge elettorale e ha invitato «a non far polemica». Il segretario democratico ha aggiunto che la scelta della data delle elezioni regionali, fissata dal Viminale per il 10 e 11 febbraio, «legge alla mano, è dovuta, obbligata». Sul tema dei risparmi, Bersani ha osservato che: «Esistono norme e leggi e che le Regioni devono votare anche perché il Lazio ha già perso diversi milioni di fondi europei».

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento