lunedì, 18 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giovani e sesso: solo il 9% ne parla con i genitori, il 70% con gli amici
Pubblicato il 29-11-2012


L’Italia e’ un Paese dove l’educazione sessuale, sia nelle scuole che nelle famiglie, e’ davvero molto carente. E servirebbero corsi sulla sessualita’ anche per i genitori, poiche’ solo il 9% degli adolescenti si rivolge al padre e alla madre, mentre circa il 70% preferisce parlarne con gli amici o andare sul web. Lo rivela un’indagine dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), i cui esperti sono impegnati nello sportello di supporto on line ‘Sesso e’ meglio!’ sul portale Diregiovani.it. Per sopperire, quindi, a questa mancanza di comunicazione, l’equipe dell’IdO presenta su Diregiovani.it il sesto video di “Sesso e’ meglio Live!”, tutto dedicato alle leggende metropolitane sulla sessualita’, per sfatarle ed evitare che diventino convinzioni radicate tra i giovani.

I LUOGHI COMUNI DA SFATARE – “E’ vero che esistono alcune bevande, in particolare quelle gassate, che prevengono la gravidanza? La masturbazione causa cecità? Con il sesso orale ci sono meno rischi di prendere malattie rispetto a quello vaginale?”. Queste sono solo alcune delle domande piu’ comuni, ma il fatto che circolino ancora tra i giovani e’, secondo gli esperti dell’IdO, “allarmante perche’ di sessualita’ non se ne parla ancora abbastanza e nel modo giusto, o comunque resta un’area talmente privata e personale che risulta difficile potersi aprire e lasciar filtrare le informazioni nel modo migliore”. E’ come se, “nonostante i passi avanti e le aperture, ancora non si sia pronti a parlarne in modo davvero sereno e spontaneo. Allora si da’ credito alla prima informazione che passa, magari detta dall’amico, o a quello che si trova su internet, senza riuscire a selezionare nel fiume d’informazioni presente sulla rete”.

I GIOVANI CHIEDONO ESPERTI DI SESSUOLOGIA NELLE SCUOLE – Nonostante i ragazzi “chiedano nelle scuole la presenza di figure professionali esterne che parlino di educazione sessuale- affermano le psicoterapeute dell’IdO- siamo ancora in una fase sperimentale, lontani da un intervento mirato e strutturato che venga stabilito dall’alto. Gli stessi genitori fanno fatica a farsi carico anche di questo aspetto dell’educazione, vuoi per imbarazzo vuoi perche’ non riescono a trovare la chiave giusta e gli strumenti per agganciare i figli, cosi’ evitano di parlarne nella speranza che tutto vada nel verso giusto”. I non detti e la cattiva informazione, “portano i ragazzi a brancolare nel buio e a sentirsi spesso confusi quando si trovano ad avere i primi approcci con la sessualita’. Se ci fosse un approccio piu’ autentico e spontaneo riguardo questa tematica – hanno concluso gli esperti – sicuramente i ragazzi si sentirebbero piu’ tranquilli a parlarne e non dovrebbero far ricorso al passa parola!”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento