sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Laurentino 38 nei “Pezzi” di Luca Ferrari
Pubblicato il 12-11-2012


Massimo, Bianca, Stefano, Rosi, Giuliana. E tanti altri. Sono i padri, le madri, i figli di una città, Roma, che li ha messi ai margini. “Feccia” per molti, trascorsi in galera per alcuni, presente al gabbio per altri. Futuro che non promette niente di meglio. L’unità di misura per tutti loro, lì al Laurentino 38, è il “pezzo”, la dose di cocaina, “ossessivamente presente, sempre, in tasca, nella mente e nel sangue”, come dice Luca Ferrari, che in 67′ racconta la quotidianità di tutti loro, dietro appunto ai “Pezzi”.

DOCUFILM INSOLITO E AGGIACCIANTE – E’ un documentario insolito e agghiacciante, questo di Ferrari, in concorso nella sezione Prospettive Italia al Festival di Roma, nato come evoluzione di un reportage fotografico che lo stesso regista aveva iniziato nel 2009: “Il passo dall’immagine fissa a quella filmata è stato naturale, aiutato dal caso e dalle nuove tecnologie, grazie alle quali è stato possibile lavorare praticamente senza troupe e con una macchina da presa non invadente”, spiega Ferrari. Per il quale, però, l’incontro determinante è stato proprio quello con Massimo, detto “er Pantera”, catalizzatore di quell’umanità raccontata nel film: “Massimo gestisce un bar che tutti chiamano ‘bisca’, chi va li’ e’ in cerca di sballo, compagnia e affetto, si parla di carcere, famiglie distrutte, racconti veri e leggende immaginate”, dice ancora Ferrari, che poco a poco si mischia con loro, raccogliendo frammenti di testimonianze, ricordi e aneddoti.

LE MOTIVAZIONI DEL REGISTA – “Il reportage e’ potuto diventare un film anche perche’ li ho frequentati per mesi e loro mi hanno accolto nella quotidianita’: la sola immagine, ho capito, non sarebbe piu’ bastata. Solamente con il video avrei potuto dar vita a quei pezzi di vita cosi’ ruvidi, dolorosi”, racconta il regista, che spiega così la scelta del titolo: “Le loro storie sono pezzi di vita, ai quali non ho voluto ne’ potuto dare un senso di una narrazione classica e compiuta”. Frammenti che arrivano sullo schermo anche grazie al coraggio della Relief (di Valentina Avenia, Valerio Mastandrea e Edoardo Lardera) e di Samuele Pellecchia (per Prospekt Photographers), che hanno prodotto il documentario, la cui distribuzione sara’ curata dalla Vivo Film.

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Piacevole come un calcio nello stomaco, efficace come un vero film non sarebbe mai stato capace di fare, onesto intellettualmente, chirurgicamente freddo ed impietoso : un gran bel risultato il documentario di Luca Ferrari presentato in una sala Petrassi colpevolmente mezza vuota (male per chi non c’era) ma entusiasta e partecipe alla fine dei 70 minuti scarsi di serratissima proiezione. Chi ha detto che il Festival è in crisi?

Lascia un commento