martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La salute del cuore racchiusa nell’iPhone, la rivoluzione della medicina digitale
Pubblicato il 15-11-2012


La tua salute in un iPhone. Si perché potrebbe proprio venire dai telefonini “smart” la rivoluzione per migliorare il nostro stato di salute permettendo al nostro medico curante di intervenire, in qualunque parte del mondo ci si trovi e in tempo reale. È quanto crede la dottoressa Leslie Saxon, cardiologo dell’Università della Southern California, specialista nella diagnosi e trattamento delle malattie cardiovascolari attraverso strumenti elettronici e impianto.  Secondo la dottoressa, la nuova frontiera per affrontare le emergenze cardiache si trova, infatti, proprio negli smartphone che si diffondono esponenzialmente tra la popolazione, almeno in alcune parti dell’emisfero.

SEMPRE MAGGIORE INTERAZIONE UOMO/MACCHINA – Una medicina digitale del futuro che potrebbe aiutare a vivere meglio, a prevenire le malattie a ad allungare la vita. Una vera e propria rivoluzione culturale che determina un’ulteriore integrazione del corpo umano con la tecnologia biometrica: una relazione e interrelazione indissolubili, un tassello, forse, verso l’uomo cyborg. La fusione tra uomo e tecnologia, secondo il cardiologo statunitense, diventerà naturalmente inculcata nella cultura sin dalla nascita, una sorta di conquista sociale che garantisce il miglioramento della condizione di vita dei cittadini del pianeta. L’obiettivo è di trasportare la funzione di “mappatura” già ampiamente in atto nel modo del Web, fin dentro il corpo creando una sorta di database globale che raccolga i dati del battito cardiaco di ogni essere umano sulla Terra da utilizzare per migliorare la salute e anche la consapevolezza della popolazione globale.

UN DATABASE PER ANALIZZARE LA SALUTE DEL PIANETA, MA ATTENZIONE ALLA PRIVACY – Analizzare e prevenire – ma la possibilità di accedere ad una mole così vasta di dati avrebbe, secondo i sostenitori, una ricaduta positiva anche sulla capacità di ricerca, studio e analisi statistica. Una vera miniera d’oro per capire le dinamiche della salute su scala mondiale, per capirne gli andamenti ed analizzarne le tendenze. Una casistica così vasta da aprire orizzonti imprevedibili per la messa appunto di strategie e tecnologie per la prevenzione e la cura oltre che uno strumento per studiare, prevenire e controllare eventuali epidemie. Il nodo dolente, come sempre da quando si impone la civiltà delle banche dati, rimane l’accesso, il controllo e la protezione dei dati. Un aspetto che deve essere affrontato con attenzione e regolamentato dalla politica fatta dagli uomini, e non dalle macchine. Un problema di diritti civili che non può essere tralasciato.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento