mercoledì, 16 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il lato umano del presidente Usa: padre affettuoso e marito innamorato
Pubblicato il 07-11-2012


L’attesa è stata di circa un’ora. Ma poi il presidente Usa, da poco rieletto, è giunto al McCormick Place, quartier generale di Chicago, accompagnato dalla moglie Michelle e dalle figlie Malia e Sasha. Urla e applausi hanno coperto la musica ad alto volume degli altoparlanti che suonava note di rythm&blues, dei Beatles e dell’immancabile Bruce Springsteen. «Crediamo in un’America generosa, tollerante, aperta ai sogni. Il meglio deve ancora venire» ha dichiarato Obama dopo aver abbracciato a lungo le sue donne, aggiungendo di tornare «alla Casa Bianca più determinato di prima». Il rieletto presidente degli Stati Uniti si è messo a nudo mostrando ai milioni di sostenitori il suo lato umano, di padre affettuoso e marito innamorato.
LA DEDICA ALLA MOGLIE MICHELLE – Durante il suo discorso di ringraziamento, l’inquilino confermato alla White House ha mostrato tutto il suo lato umano dedicando parole d’amore alla moglie Michelle: «Non sarei l’uomo che sono oggi senza la donna che vent’anni fa ha accettato di sposarmi, lasciate che lo dica pubblicamente: Michelle, non ti ho mai amato tanto. Ti amo, l’America ti ama». Alla celebrazione di Obama c’è spazio per l’affetto coniugale, per lacrime e sorrisi, ma anche per il gossip e piccole curiosità presidenziali. La first lady, forse per scaramanzia, ha indossato un abito bordeaux – firmato dallo stesso stilista scelto per le elezioni del 2008 – e già indossato in altre due occasioni. Obama, in abito scuro e cravatta blu elettrico, si è poi rivolto alle figlie dichiarandosi «fiero» di loro, aggiungendo però ironico che «per il momento un cane è abbastanza», riferendosi al regalo fatto da loro, il cane presidenziale Bo, quando vinse le elezioni nel 2008.
OBAMA E IL MOTTO: “FORWARD” – Le parole sono importanti e lo sa bene Obama che ha parlato al popolo americano usando espressioni con significativi echi kennedyani, come «l’America non è cosa possiamo fare per noi, ma cosa può essere fatto da noi». Il presidente Usa ha poi affrontato diversi temi: dall’economia in ripresa, alla forza del popolo americano di reagire dopo i disastri (ad esempio il recente uragano “Sandy”), passando per il patriottismo che li distingue e le prossime sfide da affrontare insieme con un unico motto: “Forward”, avanti.
LA REAZIONE DAL MONDO – Elezioni-evento come testimoniano le congratulazioni giunte da molte parti del mondo. Il presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy su Twitter si è detto «molto felice» per la rielezione di Obama. Ban Ki-Moon, segretario generale dell’Onu, si è calorosamente congratulato con il presidente, dicendosi «lieto di poter continuare a lavorare con lui e con la sua amministrazione». Complimenti e felicitazioni sono giunti dal primo ministro britannico David Cameron, dal presidente francese, Francois Hollande e dal Cancelliere tedesco Angela Merkel. Il presidente egiziano Mohamed Morsi ha auspicato un rafforzamento delle relazioni di amicizia tra Egitto e Usa. Congratulazioni sono state espresse anche dai governi della Federazione russa, Cina, Giappone, India, Israele.
GRANDE FESTA NEL VILLAGGIO IN KENYA – Immancabili i festeggiamenti nel lontano Kenya. Gli abitanti del villaggio di Kogelo, infatti, dove è nato il padre di Barack Obama, hanno trascorso la notte in attesa del risultato finale, per poi festeggiare la rielezione del numero uno degli Usa con canti e danze.

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento