venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Primarie Pdl, nominata la Commissione di garanzia. A presiederla sarà Lamberto Dini
Pubblicato il 23-11-2012


A presiedere la Commissione di garanzia per le primarie del Pdl sarà il senatore Lamberto Dini. A deciderlo è stato Silvio Berlusconi che oggi ha nominato anche i membri che saranno cinque, individuati e scelti «tra personalità in possesso di riconosciuti requisiti di autorevolezza e competenza». Secondo il regolamento – oltre all’attività di vigilanza sul corretto svolgimento delle consultazioni – alla Commissione di garanzia, in secondo grado – viene deferita in via esclusiva – ogni controversia relativa allo svolgimento delle primarie. Le consultazioni si terranno il 16 dicembre e saranno aperte.

IL RUOLO DELLA COMMISSIONE E I MEMBRI NOMINATI – La Commissione svolge «attività di vigilanza sul corretto svolgimento delle primarie, in coerenza con i valori di libertà, pluralismo e tolleranza del Pdl». I membri scelti sono Antonio Leone, vicepresidente della Camera dei deputati; Donato Bruno, presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera; Alberto Balboni, vicepresidente della Giunta delle elezioni e delle immunità del Senato e Francesco Sisto, vicepresidente della Giunta autorizzazioni della Camera dei deputati.

LE PRIMARIE DEL PDL – Dopo un lungo tira e molla, ieri i vertici del Pdl hanno deciso e stabilito che le consultazioni del partito – per la scelta del candidato premier del centrodestra – si terranno, in data unica, domenica 16 dicembre. Oltre al segretario nazionale Angelino Alfano, fervente sostenitore delle primarie, tra i candidati vi sono la deputata Giorgia Meloni, l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Daniela Santanchè, Alessandro Cattaneo, sindaco di Pavia e leader della corrente dei “Formattatori”, Guido Crosetto, Vittorio Sgarbi, Giancarlo Galan, Michaela Biancofiore, promotrice delle amazzoni di Silvio, Gianpiero Samorì, il banchiere modenese e Alessandro Proto, indagato per truffa e aggiotaggio: contrario alla sua candidatura si è detto il segretario Alfano.

LE CONSULTAZIONI – Ufficialmente è saltato il cosiddetto “modello americano”. La consultazione assomiglierà a quella organizzata dal Partito democratico, con una grande differenza: sarà consentito il voto elettronico. Ventitré giorni, questo il tempo a disposizione del centrodestra per portare ai gazebo un milione di persone.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento