lunedì, 18 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Province, basta tagli o niente riscaldamento nelle scuole. L’Upi in “assemblea permanente”
Pubblicato il 08-11-2012


Basta tagli o niente scuole. Questo è il senso del monito del neo-presidente dell’Upi (Unione Province d’Italia) Antonio Saitta, lanciato in segno di protesta contro i tagli previsti nella spending review – la revisione della spesa pubblica – e nella recente legge di stabilità. Saitta ha annunciato che se l’esecutivo non li ascolterà e non fornirà le dovute risposte «chiuderemo le scuole». O meglio, si procederà allo spegnimento dei riscaldamenti che comporterà un’estensione delle vacanze degli studenti. Saitta è stato eletto solo stamane e già fa sentire la sua voce, minacciando misure drastiche «per protestare contro i tagli di 500 milioni decisi con la spending review». Inoltre l’’Upi promuoverà ricorsi al Tar contro i tagli previsti dalla legge di stabilità, recentemente approvata, poiché queste sforbiciate «sono insopportabili», ammonisce Saitta. Nel frattempo, per questo pomeriggio è previsto un incontro tra il ministro dell’Economia, Vittorio Grilli e una delegazione dell’Upi.

L’UPI IN ASSEMBLEA PERMANENTE CHIEDE INCONTRO AD ANCI E REGIONI – Un’altra presa di posizione forte di Saitta è stata quella di decretare l’assemblea permanente dell’Upi «finché non avremo risolto tutti i nodi sulle Province, a partire dai tagli ai bilanci». Il presidente della Provincia di Torino, eletto stamane presidente dell’Upi, ha inoltre chiesto un incontro urgente anche con Graziano Delrio e Vasco Errani, rispettivamente presidente dell’Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e della Conferenza delle Regioni «perché bisogna rinsaldare l’unità d’azione delle associazioni delle autonomie territoriali, che stanno pagando il prezzo più pesante dei tagli ai bilanci».

IL BOTTA E RISPOSTA CON IL MINISTRO PATRONI GRIFFI – Stamane il ministro della Pubblica amministrazione Filippo Patroni Griffi ha inviato un messaggio di congratulazioni per l’elezione a presidente dell’Upi di Saitta, invitandolo però ad «avere un comportamento più consono all’Istituzione che rappresenta». Non si è fatta attendere la risposta di Saitta che ha reso noto di voler chiedere «solo rispetto, non siamo una lobby economica, ma un pezzo elettivo dello Stato; i giudizi del ministro Patroni Griffi e del Governo non possono essere di disprezzo verso le Province». Secondo il neo-presidente «non debbono pesare tanto le dichiarazioni, quanto gli atti assunti dal Governo. Però siamo pronti a chiarire».

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Bilancio preventivo 2012 della Provincia di Torino: spese totali 680 milioni di Euro, di cui spese correnti 385 milioni di Euro.
    A loro volta le spese correnti sono divise in varie voci. Fra queste troviamo l’acquisto beni di consumo e/o materie prime pari a 4 milioni di Euro. Ovvero ben l’1% delle spese totali!!! Hai voglia a tagliare sprechi prima di toccare il gasolio per il riscaldamento ai ragazzi!!!!!!

Lascia un commento