mercoledì, 25 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

ARIA DI CONSULTAZIONI: DOPO IL PDL ANCHE PD E UDC SALGONO AL COLLE
Pubblicato il 07-12-2012


Continua a spirare vento di crisi sul governo dopo la frenetica giornata di ieri e l’incontro di stamane tra il capo dello Stato e il segretario azzurro, Angelino Alfano con la delegazione Pdl, e il presidente del Senato, Renato Schifani. Stamane, durante la discussione sul decreto legge sui costi della politica, Alfano ha spiegato la scelta di astenersi dal voto di fiducia sul decreto legge sviluppo-bis al Senato, facendo venire meno la maggioranza al governo Monti in Parlamento. Il segretario Pdl, nel suo intervento alla Camera, ha garantito lealtà da parte del suo partito fino alla legge di Stabilità, «poi togliamo il sostegno». Nel frattempo il decreto legge alla Camera è passato con 268 sì, 1 voto contrario (quello di Maurizio Lupi, vicepresidente Pdl alla Camera) e 169 astenuti. Tra i “sì” vi sono anche quelli di dieci deputati Pdl che hanno votato a favore del decreto, nonostante l’indicazione del gruppo. Nel frattempo sono attesi al Quirinale il presidente della Camera, Gianfranco Fini, e i leader del Partito democratico e dell’Udc, rispettivamente Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini.

ALFANO, CONCLUSA ESPERIENZA MONTI – Stamane, alla Camera Alfano ha spiegato che la scelta di appoggiare Monti fu dettata affinchè le cose andassero meglio. In realtà, «tredici mesi dopo le cose vanno peggio. Oggi siamo qui a dire che consideriamo conclusa questa esperienza di governo. Ieri non abbiamo votato la sfiducia perché avremmo causato l’abisso dell’esercizio provvisorio. Vogliamo concludere l’esperienza di questo esecutivo, senza strappi» ha reso noto il segretario Pdl.

BERSANI, PDL IRRESPONSABILE – Sempre durante le dichiarazioni di voto alla Camera, il leader del Pd, Pier Luigi Bersani ha definito gli esponenti del Pdl degli «irresponsabili». La “medicina” per risolvere la crisi e i problemi del Paese «può venire da Berlusconi, Tremonti e Calderoli? Quelli che ci hanno portato fin qua?» ha provocatoriamente domandato. Bersani ha poi invitato a evitare tatticismi, definendo la giornata di oggi «non buona perchè qui muore la speranza che il centrodestra italiano possa dare un suo contributo di cambiamento, di innovazione di cui il Paese ha bisogno».

ANCHE PD E UDC DA NAPOLITANO – A breve il presidente della Repubblica accoglierà Pier Luigi Bersani, accompagnato dai capigruppo al Senato e Camera, rispettivamente Anna Finocchiaro e Dario Franceschini. Anche il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini sarà accolto al Colle, verosimilmente con la sua delegazione.

DIECI DEPUTATI PDL APPOGGIANO IL GOVERNO – I dieci onorevoli che hanno votato “sì” sul decreto legge relativo ai costi della politica sono stati: Francesco Biava, Giuliano Cazzola, Marcello De Angelis, Franco Frattini, Mario Landolfi, Gennaro Malgieri, Alfredo Mantovano, Carlo Nona, Barbara Saltamartini e Mario Valducci.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento