domenica, 22 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Benzinai: trasporto pubblico locale, università e sanità privata: scioperi a pioggia prima di Natale
Pubblicato il 05-12-2012


Da un punto di vista climatico sarà un dicembre freddo. Sul fronte degli scioperi sarà un mese piuttosto caldo. Per ora a confermare l’astensione dal lavoro sono stati i benzinai, il Tpl (il trasporto pubblico locale), l’università e la sanità privata. I benzinai incroceranno le braccia dalle 19 dell’11 alle 7 del 14, per le autostrade la chiusura delle pompe è invece fissata dalle 22 dell’11 alle 22 del 13. La decisione di scioperare è stata assunta in seguito all’inadempimento del protocollo di intesa siglato lo scorso 27 luglio presso il ministero per lo Sviluppo Economico. Ma se il 14 i benzinai torneranno a lavorare, a sospendere l’attività sarà il Tpl.

L’INCONTRO DI IERI TRA GESTORI E MINISTERO SVILUPPO La decisione di confermare lo sciopero delle pompe di benzina è stata presa in seguito all’incontro di ieri tra i gestori e il sottosegretario dello Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti. I gestori presenti al tavolo delle negoziazioni sono stati Faib-Confesercenti, Fegica-Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio che hanno chiesto «un intervento diretto sulle compagnie sul rispetto delle norme di settore e un aggiornamento delle condizioni economiche». Secondo quanto riferito dai sindacati che hanno partecipato al vertice, il sottosegretario «si impegna a verificare l’atteggiamento delle compagnie e a saggiare la situazione». Il prossimo incontro è stato fissato per lunedì 10. In ogni caso, l’Autorità di garanzia degli scioperi ha assicurato i servizi minimi e il suo presidente, Roberto Alesse ha sottolineato che procede l’impegno per le trattative volte ad evitare lo sciopero.

DICEMBRE, UN MESE DI SCIOPERI – Durante il mese di dicembre, oltre allo sciopero previsto dai benzinai, sono previste altre due astensioni dal lavoro: lunedì 10 a incrociare le braccia sarà l’università: parteciperanno allo sciopero nazionale tutti i lavoratori del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dell’Ingv aderenti a Flc-Cgil e Uil-Rsa mentre martedì 11 si fermerà la Sanità privata: in particolare i lavoratori iscritti alla Fp-Ggil, esclusa la “Federazione Don Gnocchi”. Le Regioni coinvolte sono Marche, Liguria, Abruzzo, Calabria e Sardegna. Il 12 la protesta si estende a Lazio, Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna e Campania mentre il 13 si chiude con Lombardia, Umbria, Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige e Molise. Il 14 verrà invece sospeso il trasporto pubblico locale: si tratta della mobilitazione in programma il 16 novembre, poi rimandata, che prevede lo stop di 24 ore dei mezzi pubblici.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento