lunedì, 18 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bersani alla stampa estera: «No a campagna su Berlusconi. Noi ci occupiano dell’Italia»
Pubblicato il 13-12-2012


«Berlusconi non è tornato, ci prova soltanto, non vincerà». Pier Luigi Bersani non usa mezzi termini per commentare l’ancora fumoso ritorno in campo del Cavaliere. Secondo il segretario democratico – intervistato stamane dalla stampa estera – le prossime elezioni sono indispensabili al «rinnovamento della democrazia italiana, hanno dei nemici: il populismo, Berlusconi, la Lega Nord, Beppe Grillo». Bersani ha inoltre ribadito la sua posizione sull’eventuale candidatura di Mario Monti, esortando l’attuale premier «a tenersi fuori dalla competizione elettorale».

BERSANI, NO A CAMPAGNA ELETTORALE SUL CAVALIERE – Il segretario democratico ha voluto chiarire di non avere alcuna intenzione di fare «la prossima campagna elettorale su “Berlusconi sì” o “Berlusconi no”. Gli italiani hanno gli elementi per decidere, noi ci occupiamo dell’Italia». Il candidato del centrosinistra alle prossime elezioni ha poi ricordato che «basta una giravolta di Berlusconi per risolvere il problema delle prime pagine», definendosi «esterrefatto».

BERSANI SU UN’EVENTUALE CANDIDATURA DI MONTI – Di base Bersani ha ribadito che Mario Monti deve «tenersi fuori dalla competizione elettorale». Quanto al futuro del Professore, il leader del Pd ha chiarito che, in caso di vittoria, intende offrirgli un ruolo. “È una figura che deve continuare ad avere un ruolo nel nostro Paese» ha ribadito. Ma, qualora il tecnico dovesse decidere di scendere il campo e di avanzare una sua candidatura, «noi la rispetteremo e segnaleremo una volontà di collaborazione» ha assicurato Bersani.

LE ALLEANZE E IL PROGRAMMA DEL PD – Dopo aver definito il Pd «prodotto di diverse culture», sulle alleanze con Sel e Psi Bersani ha ricordato che «Vendola e Nencini hanno sottoscritto il patto con noi e che il leader di Sel è una forza politica saldamente europeista, anche se con dei punti di dissenso». Durante l’incontro con i giornalisti stranieri, Bersani ha poi assicurato che il Pd intende procedere nel «cammino di riforme e introdurne di nuove».

BERSANI, L’UE DEVE CAMBIARE ROTTA – «Non voglio piacere agli italiani, ma ottenere la loro fiducia» ha ribadito Bersani il cui obiettivo nell’Unione europea è quello di garantire all’Italia «una posizione di primo piano». Sottolineata la linea europeista, il candidato premier ha voluto precisare che «l’austerità deve essere però accompagnata da misure per incentivare la congiuntura».

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento