domenica, 18 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Primarie centrosinistra: il primo passo è fatto. Ora, andiamo avanti!
Pubblicato il 02-12-2012


Innanzitutto ha vinto la democrazia. Hanno vinto le persone. Perché quando si recano a votare per ben due volte ad una settimana di distanza circa sei milioni di cittadini, significa che la voglia di partecipare vince su tutto. E andando ieri sera al Teatro Capranica di Roma, dove il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani ha festeggiato la sua vittoria con i suoi alleati, ad iniziare dai socialisti di Nencini fino a Sel di Vendola, si respirava un’aria  frizzante di felicità mista a soddisfazione, quella di chi sa che qualcosa sta veramente cambiando, e che forse è già cambiato. La realtà di cui ha parlato Bersani nel suo discorso di ringraziamento e la presa d’atto di Renzi della sua sconfitta sono dimostrazione del fatto che in Italia, nel nostro Paese, si può vincere lealmente ed accettare di aver perso con umiltà. 

La festa del Capranica è quella dell’Italia che crede che una visione riformista del futuro sia la direzione da seguire, sia quella strada ancora non abbastanza battuta che porta in sé il simbolo del miglioramento, possibile nonostante i tanti, forse troppi disfattisti che non lo credono più realizzabile. Quindi, che cambiamento sia. Che torni in Parlamento la politica forte di quell’emozione della tradizione, che non cela immobilismo, quanto irradia invece l’energia di un’ideologia. Perché questo dovrà essere, e così sarà. Ne ero convinto prima e lo sono oggi ancora di più, soprattutto dopo aver visto ieri quante persone affollavano quel teatro. Con quale entusiasmo rimanevano incollati l’uno all’altra senza lamentarsi di tanto affollamento, e consapevoli del fatto che ognuno di noi rappresentava milioni di cittadini che hanno segnato la loro preferenza alle primarie.

A questo punto non rimane che andare avanti ed iniziare una campagna elettorale che sia altrettanto partecipativa e veritiera, che non sia fatta quindi di vane promesse. Se in tanti infatti ci siamo recati alle urne è perché abbiamo sentito la lealtà della competizione della quale noi eravamo giudici con il nostro voto. E’ per questo che ieri ha vinto la democrazia. E’ per questo che da ieri possiamo dire che l’Italia sia un paese migliore, perché abbiamo dato la dimostrazione provata che in certi momenti, quando lo sentiamo veramente, sappiamo bene il significato di andare a votare. E la stessa emozione dobbiamo riviverla e farla rivivere da qui ai prossimi mesi, sapendo che l’impegno che ognuno di noi metterà non sarà fine a se stesso, ma segnerà la netta linea di demarcazione tra quello che avremmo voluto essere individualmente, con quello che finalmente potremmo essere come comunità.

Giampiero Marrazzo 

Giampiero Marrazzo

@giamarrazzo

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookDiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. liste alla camera ed al senato per non scomparire ci vogliono sciogliere protestiamo la calabria è in allarme pronti per il congresso dopo il 26 febbraio 2013!!!!!!!!!!!!!!! il scrive:

    liste alla camera e al senato per non scomparire ci vogliano sciogliere la calabria pronta al congresso nazionale dopo il 26 febbraio 2013 è chiedere le dimissioni dei dirigenti di partito se questo si verificherà!!!!!!!!!!!!!!!

    • Cari compagni sono di Ortonovo, sp, innanzi tutto chiedo ai compagni tutti di non dimenticarsi di quella fetta di territorio dove troviamo un gran numero di simpatizzanti, per cui sarebbe perfetto cercare di espandere la macchia dove questa c’è.
      Confido in Nencini, ma lo invito a non demordere sul fatto di avere una lista nostra sia al senato che alla camera.

Lascia un commento