mercoledì, 25 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nell’agenda di Monti molti silenzi ed incertezze
Pubblicato il 27-12-2012


In un fondo pubblicato oggi sul ‘Corriere della Sera’, Emanuele Macaluso invita Pd, Sel e Psi  a tenere aperto il dialogo con il centro montiano anche se la sinistra riformista dovesse vincere le elezioni. E’ la  posizione che i socialisti sostengono da tre anni, quando di Monti non si parlava ma il centro esisteva già.

Poiché da qualche ora è nota l’Agenda Monti – la bussola che orienterà il centro- sono obbligate alcune considerazioni. Regolamentazione dell’attività lobbistica, attacco al cuore dell’evasione fiscale, rigida applicazione dell’art. 49 della Carta nel finanziamento pubblico ai partiti, rapporto stretto tra merito e istruzione sono i punti che anche noi abbiamo declinato scegliendo soluzioni simili.

I problemi sorgono altrove. Incertezza sulla patrimoniale sulle grandi ricchezze per abbattere le tasse sui redditi da lavoro dipendente ed eliminare l’IMU sulla prima casa; silenzio sulla elezione diretta dei vertici dell’Unione e su un tasso più alto di unità politica europea; cautela eccessiva nell’investimento su classi dirigenti nuove e alternative. Non si tratta di accidenti. Hic Rhodus, hic salta.

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. In un anno di governo Monti ha saputo solamente aumentare le tasse fregare i lavoratori e i pensionati favorire la chiesa e le banche. Ora tenta di rifare la vecchia DC . Piu’ che dilogarci dobbiamo batterlo.

  2. Quando finirà questa tassa micidiale su sei milioni di pensionati, costituita dal mancato adeguamento all’inflazione programmata?
    Credo che questa debba essere la prima misura del nuovo governo, Quel che sarà perduto, sarà perduto. Ma bisogna ricominciare dal recupero dei due anni passati. I soldi bisogna prenderli dove ci sono, non spremere le pietre per ricavarli.
    Il PSI deve lanciare questa proposta.

  3. Sull’imu imitiamo Berlusconi! Sulla patrimoniale altre tasse a carico di chi comunque le paga o le ha pagate. Non mi sembrano proprio commenti che saranno ripresi perché interessanti o originali!

Lascia un commento