sabato, 21 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Obama premia i Led Zeppelin: “Per favore non devastate la Casa Bianca”
Pubblicato il 04-12-2012


“Per favore non devastate la Casa Bianca”: il presidente Barack Obama ha accolto scherzosamente al numero 1600 di Pennsylvania Avenue il leggendario gruppo rock dei Led Zeppelin, tra i vincitori del 35esimo John F. Kennedy Center Honors. Insieme alla First Lady Michelle, il presidente ha premiato anche il bluesman Buddy Guy, l’attore Dustin Hoffman, la ballerina Natalia Makarova e il conduttore tv David Letterman, sottolineando il contributo dei premiati alla vita culturale del Paese: “Ciascuno di noi – ha detto – puo’ ricordare un momento in cui queste persone hanno toccato la nostra vita. Sono artisti che ci hanno fatto vedere le cose in maniera nuova, ascoltare in modo differente, e apprezzare tutta la bellezza che c’e’ nel mondo”.

TUTTI I VIP ALLA CORTE DI OBAMA – Durante la serata alla Casa Bianca in onore dei vincitori, Obama ha riso con i suoi ospiti, stelle di Hollywood e della musica, tra i quali gli attori Robert De Niro, Alec Baldwin, Meryl Streep, Morgan Freeman e il cantante Lenny Kravitz. E non si e’ fatto mancare qualche battuta, descrivendo i premiati come “un gruppo di persone straordinarie che non hanno alcun motivo per stare insieme sullo stesso palco”. “E’ stato difficile scrivere un discorso in cui si passava dal balletto ai Led Zeppelin”, ha continuato. E proprio parlando ai membri della storica band, Robert Plant, Jimmy Page e John Paul Jones, oggi tutti ultrasessantenni, ha spiegato: “Questi ragazzi hanno ridefinito lo stile di vita rock ‘n’ roll. All’epoca, ci sono state camere di albergo saccheggiate e distruzioni”. “E’ per questo che abbiamo organizzato la cerimonia in questa sala, dotata di vetri spessi 10 centimetri – ha aggiunto – e con agenti del Secret Service in ogni angolo. Quindi calma, questi quadri non hanno prezzo”.

IL PRESIDENTE USA E LA SUA INFANZIA A SUON DI ZEPPELIN Obama ha poi sottolineato come “una generazione di giovani sia sopravvissuta alla sua crisi adolescenziale con le cuffie e un album dei Led Zeppelin, mentre i loro genitori si chiedevano di che ‘rumore’ si trattasse”. Il gruppo si è diviso nel 1980 dopo la morte del batterista John Bohnam, ma nel 2007 c’e’ stata una storica reunion a Londra. Dopo la Casa Bianca, la serata in onore dei premiati e’ proseguita con il gala al Kennedy Center Opera House, che sara’ trasmesso anche in tv dalla rete Cbs, il prossimo 26 dicembre.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento