lunedì, 16 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pdl allo sbando, Crosetto lascia gli studi di Omnibus: «Non posso restare se non posso dire niente»
Pubblicato il 06-12-2012


Un partito allo sbando, che ora dopo ora andando alla deriva perde pezzi: è esemplificativa l’uscita di scena, non solo metaforica, di Crosetto dagli studi tv di La7 e probabilmente dal Pdl, al quale sembra legato da un rapporto di odio e amore. “Non me la sento di stare in una trasmissione in cui non posso dire niente. Ritengo che quello che è successo ieri sera mi interroghi e mi faccia fare delle scelte che non è giusto che lo annunci a nome del Pdl”. Con queste parole Guido Crosetto ospite questa mattina a Omnibus, incalzato da domande su Berlusconi e sul futuro del suo partito decide di lasciare gli studi di La7.

CROSETTO (PDL), E’ FINITO IL TEMPO IN CUI SI POSSONO SERVIRE DUE PADRONI “Scusatemi – ripete – vi ringrazio dell’invito, ma me ne vado, non me la sento di continuare: siccome ho l’abitudine di dire tutto quello che penso e di dirlo magari anche in modo spiacevole, ritengo che sia giusto per me fare una riflessione, anche con altre persone, perché io mi sono stufato, mi sono rotto, ma voglio che questa cosa molto personale diventi anche un dato politico. Preferisco alzarmi perché non ho più niente da dire sul tema e non voglio continuare a parlare del vuoto. E’ una giornata di scelte importanti – prosegue Crosetto – che non si fanno di mattina alle 8.30 dopo quello che è successo ieri, che ha una rilevanza fondamentale: è finito il tempo in cui si possono servire due padroni, o si sta da una parte o si sta dall’altra. Io ho deciso dove stare e vorrei farlo con alcuni colleghi perché abbia un significato politico e non è giusto che abusi della mia presenza qua oggi”.

UNA SCELTA DI VITA DA NON FARE IN TV E senza nascondere la commozione, afferma: “Sembrano gesti banali ma coinvolgono la vita di una persona: quando una persona dedica 10 anni a un progetto e a un’idea queste non sono scelte facili. Da casa possono sembrare cose che si fanno con la bacchetta ma c’è gente come me che ha sacrificato una parte della sue vita, non tutti ci hanno guadagnato… Io guadagnavo molto di più facendo altre cose. Per me questi 10 anni sono stati importanti e la scelta di oggi mi interroga umanamente, va fatta, non è giusto che la faccia in televisione ed è giusto che ci rifletta”.

Lucio Filipponio

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento