lunedì, 18 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Primarie centrosinistra: Bersani “stravince” anche all’estero
Pubblicato il 03-12-2012


Sono 2 milioni 816mila 615 gli elettori al ballottaggio delle primarie del centrosinistra. E’ questo il dato ufficiale definitivo diffuso dal responsabile del comitato primarie Italia Bene Comune Nico Stumpo. Poco meno di 300mila in meno rispetto ai 3 milioni e 110mila del primo turno. Una vittoria schiacciante in Italia ma anche all’estero come ha ribadito Eugenio Marino, Coordinatore per le primarie all’estero commentando il voto degli italiani nel mondo.
“È Bersani il vincitore delle primarie all’estero a scrutinio ormai chiuso con una percentuale del 64,4%, superiore a quella in Italia, contro il 35,5% di Renzi”. Rispetto al primo turno “vi è stato un calo dell’affluenza, fisiologico all’estero, soprattutto nel voto ai seggi. Quello che si evidenzia invece – prosegue Marino – è che si è ribaltato il voto degli elettori che hanno utilizzato il sistema di voto online, che al primo turno aveva visto un vantaggio di Renzi e che al ballottaggio si è trasformato in una affermazione di Bersani, in linea con quanto è avvenuto ai seggi che già al primo turno avevano premiato il segretario. Hanno votato 12.204 italiani nel mondo – aggiunge Marino – assegnando la vittoria a Bersani in quasi tutte le principali capitali e città del mondo e in maniera trasversale ai vari elettorati”.
IL CENTROSINISTRA ITALIANO NEL MONDO – “Ancora uno straordinario risultato di partecipazione che nelle difficoltà di organizzare questo tipo di eventi nel mondo mette in evidenza non solo il radicamento dei partiti del centrosinistra, ma soprattutto il profondo legame tra i nostri connazionali nel mondo e il proprio Paese d’origine. Anche per questo, il Coordinamento nazionale per le primarie ringrazia le migliaia di iscritti, militanti e volontari in tutto il mondo che in ogni occasione non mancano di dare il proprio contributo all’Italia”, conclude Marino.
Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento