mercoledì, 25 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Se negli USA Obama difende la classe media, possiamo riuscirci anche in Italia
Pubblicato il 03-12-2012


Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando da una fabbrica di giocattoli della Pennsylvania, dove gli operai si affrettano ad assemblare gli ultimi pezzi in vista del rush natalizio, ha ricordato ai rappresentanti repubblicani del Congresso che il tempo per trovare un accordo sulla ridistribuzione delle tasse sul reddito sta per esaurirsi. Infatti, se entro fine anno la Camera dei Rappresentanti, a maggioranza repubblicana, non assumerà alcuna decisione, i tagli fiscali saranno abrogati e tutti gli americani si troveranno nel baratro economico.

STANGATA SULLE TASSE PER LA FAMIGLIA MEDIA AMERICANA  In concreto ogni famiglia statunitense, dalla più povera alla più ricca, subirebbe un aumento della tassazione dall’inizio del prossimo anno. Una tipica famiglia di quattro persone della classe media si troverebbe così a dover pagare circa 2.200 dollari di tasse in più l’anno. E, come ricorda il Presidente degli Stati Uniti, né le famiglie né l’economia statunitense nel complesso sono oggi in grado di sostenere un tale indiscriminato aumento delle tasse. L’alternativa però esiste. Obama ha chiesto al Congresso di approvare una legge che impedisca l’aumento delle aliquote fiscali sui primi 250.000 dollari di reddito. In tal caso il 98% degli americani ed il 97% delle piccole imprese non subirebbero alcun aumento impositivo. E anche gli americani più ricchi avrebbero un beneficio fiscale sui primi 250.000 dollari di reddito.

LA BATTAGLIA DI OBAMA A parole anche i Repubblicani sono d’accordo nel tenere basse le aliquote alla classe media. Mentre però al Senato a maggioranza democratica la legge chiesta da Obama è stata già approvata, alla Camera, a maggioranza conservatrice, i repubblicani sono contrari a rimodulare le aliquote e vogliono invece agire solo sulle deduzioni fiscali. La classe media è dunque ostaggio di una ricca minoranza. E la posizione repubblicana è tanto più irragionevole se si considera che la proposta di Obama ridurrebbe l’imposizione fiscale anche per i più ricchi, anche se il beneficio sarebbe limitato ai primi 250.000 dollari di reddito. Se Obama riuscirà a vincere la battaglia a favore della classe media, il bilancio degli Stati Uniti otterrà maggiori entrate fiscali per 1.160 miliardi di dollari nel prossimo decennio, di cui 850 miliardi derivanti dalle maggiori aliquote applicate sugli scaglioni di reddito oltre i 250.000 dollari. Risorse che potranno essere investite in educazione e ricerca, attività, come ricordato dallo stesso Obama, che rendono gli Stati Uniti più forti. Per raggiungere questo obiettivo, il Presidente USA non ha esitato a lanciare una vera e propria campagna di pressing dal basso, chiedendo ai cittadini di inviare un messaggio al rappresentante della Camera eletto nel proprio territorio, al fine di sensibilizzarlo e indurlo ad approvare la legge entro la fine dell’anno.

LA LEZIONE AMERICANA E’ molto significativa la posizione assunta da Obama a favore della classe media statunitense. Ancora più significativa se si pensa che in America le tasse sono generalmente viste come una perdita di reddito netta. Obama sta dunque provando a cambiare questa visione, riaffermando anche il principio che non esiste un uomo che si realizza completamente da sé, visto che ciascun individuo è anche il portato della società in cui vive. Tutti, anche i più ricchi, sono chiamati a contribuire, con le tasse, al pagamento di quei beni e servizi necessari al funzionamento della società e anche dell’economia. Questi principi dovrebbero essere riscoperti e valorizzati dalla classe politica del vecchio continente. Anche in Italia, dove il ceto medio ha visto progressivamente diminuire il proprio spazio ed il propri reddito, dovremmo guardare con più attenzione alla classe media, troppo penalizzata negli ultimi venti anni. E senza classe media non esiste democrazia.

Alfonso Siano

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Il prezzo che la crisi economica non può chiederci è la rinuncia alla democrazia. Purtroppo è il prezzo che le elites politiche e finanziarie europee sembrano disposte a pagare per salvare l’euro.
    La classe media deve tornare a farsi sentire,magari impegnandosi in una partecipazione attiva senza lasciare monopolizzare la piazza solo a studenti sindacalisti ed estremisti. E’ sicuramente vero che senza classe media non può esserci democrazia. Come è sicuramente vero che in Italia la classe media, su cui si regge l’equilibrio sociale, sta soccombendo sotto i colpi del liberismo sfrenato della destra e l’indifferenza della sinistra che si copre col pretesto del sostegno ai ceti piu’ deboli.

  2. Quello che stupisce degli USA è la rapidità del mutamento culturale al quale si è assistito in questi anni. Ricordo che nel 2007 sui media USA gli spazi pubblicitari erano in larghissima misura riempiti dall’offerta di servizi da parte di società finanziarie legate al mondo del credito (principalmente servizi di consolidamento del debito sia corporate ma soprattutto retail: consolidare il debito di diverse carte di credito su una sola con uteriori prestiti agganciati). Oggi sui media tipo Bloomberg, Reuters o Business Week viene dato un grandissimo spazio alle campagne di volontariato volto alla tutela delle categorie che vivono una fase di stress finanziario grave (specie council che forniscono assistenza legale, finanziaria e di riqualificazione professionale). Questo non è tanto, o almeno non solo, il risultato dell’opera di Obama quanto, ritengo, di una diversa e maggiore reattività di un paese che più rapidamente di altri sa riconoscere quando la storia gira le pagine del suo libro per andare incontro ad un nuovo futuro. Qualunque esso sia, loro sono mentalmente più reattivi ad accettare il cambiamento. Il nostro, italiano, è un popolo molto male rappresentato ma anche molto seduto su uno status quo nella speranza, ma meno nella ricerca, che il futuro sia migliore del presente. Bel pezzo! saluti.

Lascia un commento