giovedì, 20 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Video – Manifestazione del Psi contro i massacri dei bambini in Siria
Pubblicato il 28-12-2012



Manifestazione Psi contro il massacro in Siria… di AvantiTV

Il Partito Socialista italiano scende in piazza, a Roma, per protestare contro i massacri in Siria di civili, soprattutto bambini, che si consumano quotidianamente nel paese dilaniato da mesi di guerra civile. A guidare la manifestazione il segretario nazionale Riccardo Nencini che, all’Avanti!, ha detto che la scelta di far sentire la voce dei socialisti è necessaria «quando gli altri sono in silenzio». Nencini ha auspicato un incremento degli sforzi diplomatici per promuovere l’intervento, in Siria, della Comunità internazionale attraverso i Caschi Blu dell’Onu.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Quello che sta succedendo in questo, ormai, lungo periodo in Siria rappresenta l’antitesi della libertà individuale dei siriani.
    Il silenzio, oltretutto, è complice di una situazione ormai insostenibile, sicuramente è giunto il momento di intervenire in maniera efficace e risolutiva.
    I socialisti, come al solito, storicamente sempre sensibili in queste situazioni hanno evidenziato il loro disappunto manifestando sotto l’Ambasciate Siriana nella capitale.

  2. La guerra è sempre un orrore ma stiamo molto attenti a non spianare la strada a violenze senza fine.
    Abbiamo assistito più volte a inganni mediatici il cui unico scopo era quello di creare il consenso ad azioni militari che alla fine hanno fatto più vittime e danni di quante dichiarate prima del conflitto. ” Le stragi di Timisoara”, “i bombardamenti di Lubiana”, “le fosse comuni di Milosevic”,” le armi di distruzione di massa di Saddam”.
    Ma siamo così sicuri che dietro i massacri in Siria non ci sia la mano Occidentale?

Lascia un commento