domenica, 22 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Berlusconi vorrebbe Draghi al Quirinale, ma il governatore Bce declina l’invito
Pubblicato il 15-01-2013


Draghi-no-a-BerlusconiDopo aver nuovamente attaccato i giudici e definito uno «scandalo» la candidatura dell’ex pm di Palermo, Antonio Ingroia, Berlusconi ha lanciato il nome di Mario Draghi al Quirinale. «Se ci fosse una maggioranza che lo proponesse io lo voterei. Non è assolutamente un candidato ascrivibile alla sinistra. L’ho proposto io per la Bce». Con queste parole il Cavaliere, ospite stamane a La7 nella trasmissione Omnibus, ha risposto sull’ipotesi del governatore della Bce alla presidenza della Repubblica. Berlusconi ha inoltre voluto sottolineare di non aver mai avuto ambizioni orientate al Quirinale. Un portavoce del numero uno della Banca centrale europea ha però reso noto che il governatore ha intenzione di restare alla guida dell’Eurotower, fino a scadenza del mandato nel 2019.

LA PROPOSTA DI BERLUSCONI – Dopo aver reso noto di non aver «mai avuto l’ambizione di fare il presidente della Repubblica» alla domanda su quale nome avesse in mente da indicare come futuro capo dello Stato, il Cav prima ha dichiarato di non volerlo svelare poi in merito all’ipotesi di Mario Draghi, ha risposto che qualora ci fosse una maggioranza a proporlo lo voterebbe.

LA RISPOSTA A NOME DI DRAGHI – Ma l’invito è stato prontamente declinato per voce di un portavoce dell’Eurotower, che ha reso noto che: «Il mandato di Mario Draghi, quale presidente della Bce, è di 8 anni, fino al 31 ottobre 2019. E il presidente è impegnato a portare pienamente a termine suo il mandato».

LE STILETTATE DI BERLUSCONI – Durante la trasmissione Berlusconi non ha risparmiato attacchi a Mario Monti, alla magistratura e alla candidatura di Antonio Ingroia. Il premier uscente è stato definito «protesi della sinistra», mentre i giudici di Milano «dovrebbero andare sotto processo, che sono mostruose macchine di diffamazione. È uno scandalo vero», ha tuonato Berlusconi che ha avuto una stilettata in particolare per il pubblico ministero Ilda Boccassini «che dovrebbe andare sotto processo per un sacco di buoni motivi».

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento