sabato, 21 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Elezioni regionali: Formigoni cambia idea, da sostenitore ad avversario di Albertini
Pubblicato il 10-01-2013


Mentre la Lega ottiene l’appoggio di Berlusconi e conferma la candidatura a governatore della Lombardia del suo segretario federale Roberto Maroni, il numero uno del Pirellone, Roberto Formigoni sembra aver cambiato idea. Del resto, non è nuovo a giravolte: questa volta da sostenitore convinto di Gabriele Albertini, in corsa alla Regione Lombardia, potrebbe diventare un suo avversario nello stesso collegio al Senato, quasi certamente come candidato del Pdl. L’ex sindaco di Milano ha infatti ottenuto il placet di Mario Monti per un’eventuale candidatura a Palazzo Madama. Oggi Formigoni dovrebbe sciogliere la riserva.

FORMIGONI, OGGI LA DECISIONE – Martedì si era dato 48 ore per decidere. Dunque per la giornata di oggi, Formigoni dovrebbe pronunciare le sue intenzioni future. Ieri, in modo categorico, ha voluto smentire i rumors che volevano le decisioni sul suo futuro politico legate a ipotetiche “trattative” per una poltrona in Parlamento. «Le decisioni che sto per assumere non sono quelle di un uomo solo al comando, ma le sto confrontando, come sempre, con i tanti amici con cui da anni faccio politica: una comunità di persone responsabili che valuta e decide con me» ha reso noto il governatore lombardo, sottolineando che le sue scelte si basano «su una concezione della politica come azione per il bene comune».

LA DISPONIBILITA’ DI ALBERTINI AL SENATO – Oltre alla corsa per il Pirellone, Albertini ha ammesso di essere disponibile a candidarsi anche al Senato, con la lista di Mario Monti. Una candidatura affatto «di ripiego, alternativa, ma per segnalare urbi et orbi che il partito di Monti in Lombardia è la nostra lista e proseguirà la sua attività anche dopo le elezioni regionali e lo fara’ come area di consenso dei moderati italiani» ha voluto rimarcare l’ex sindaco di Milano.

LA BATTUTA DEL LEGHISTA SALVINI – La doppia disponibilità concessa l’ex sindaco di Milano, viene spiritosamente tradotta da Matteo Salvini, il segretario della Lega Lombarda che su Facebook scrive: «Visto che in Lombardia perdo di sicuro, mi piglio un posto a Roma».

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento