domenica, 17 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Esodati, altri 150mila in arrivo? Fornero: «Non so nulla, chiedete all’Inps». Bersani attacca Monti
Pubblicato il 23-01-2013


Fornero-esodati

Lei non ne sa nulla. Peccato che sia il ministro del Lavoro. La questione è quella degli esodati – coloro che hanno lasciato o perso il lavoro entro il 2011 e che a causa dell’inasprimento delle regole per l’accesso alla pensione rischiano di trovarsi senza assegno e senza occupazione – il cui numero, secondo indiscrezioni della stampa, sarebbe molto maggiore di quello sino ad ora reso noto: ne esisterebbero altri 150mila. «Io non so nulla, chiedete all’Inps visto che sono fonti Inps. Il ministro ancora una volta non viene informato sui conti». Il responsabile del dicastero del Lavoro ha ricordato che c’è la salvaguardia di 140mila lavoratori esodati e «l’Inps ha fatto la promessa al ministro che la lettera ai primi 65mila arriverà entro i primi giorni di febbraio».

L’INPS SMENTISCE – Fornero ha ricordato che c’è già il decreto per la comunicazione di salvaguardia di altri 55mila esodati (oltre ai 10mila già garantiti dall’ex ministro Sacconi) mentre per ulteriori 10mila previsti dalla legge di stabilità la tutela è ancora da realizzare. Nel rimbalzo di responsabilità e numeri interviene il direttore generale dell’Inps, Mauro Nori con una lettera al ministero del Lavoro smentendo quanto sin’ora emerso: «L’istituto non ha effettuato ulteriori elaborazioni statistiche sulla vicenda» degli esodati.

ANGELETTI, NUMERI VEROSIMILI – A ritenere «verosimili» i numeri che che parlano di altri 150mila esodati è stato il segretario nazionale della Uil, Luigi Angeletti: «D’altronde anche i primi dati sono stati di quest’ordine». Un problema, a detta del sindacalista, provocato «dall’imperizia del governo» e «ogni anno fino al 2015 si porrà il problema di nuove persone, svariate decine di migliaia, da salvaguardare». La questione era «gestibile», sottolinea Angeletti, ma «il governo non l’ha fatto perché i tecnici non erano così bravi, e perché non si voleva far vedere che una parte consistente dei 13 miliardi di risparmi ottenuti tagliando le pensioni, in realtà era fasulla e includeva risorse che dovevano tutelare la categoria degli esodati». Alla fine il risparmio sarebbe stato «forse di 2 o 3 miliardi. L’unica soluzione- conclude Angeletti- è continuare a trovare soldi per pagare chi deve andare in pensione non avendo più un lavoro».

BERSANI A MONTI, NON MI FACCIA LE PULCI CHI HA CREATO ESODATI – “E’ arrivato il momento di guardare in faccia la gente, non accetto di vedermi fare le pulci da chi non pronuncia nemmeno la parola ‘esodati’, non pronuncia la parola del fenomeno che ha cerato”. Così il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, intervenendo ad un incontro con le associazioni ad Albano Laziale. “Pretendo – ha aggiunto – che prima pronuncino tutti la parola ‘esodati’”.

LA VICENDA ‘ESODATI’  – Secondo i dati contenuti in una relazione inviata lo scorso maggio dall’Inps al ministero del lavoro i lavoratori esodati sarebbero 390.200. Su questi dati ci fu una polemica con il ministro del Lavoro che parlò di “gioco al massacro” e di documento diffuso per “danneggiare il Governo”. Il Governo ha salvaguardato con diversi provvedimenti in totale 140.000 persone, mentre altre 80.000, secondo quanto dichiarato nei mesi scorsi dal presidente Inps, Antonio Mastrapasqua, sono riuscite ad andare in pensione entro dicembre 2012 (per un totale reale di salvaguardati di 220.000). Quindi le persone per le quali andrebbe cercata una soluzione, se ci si basa sui numeri iniziali dell’Inps dovrebbero essere circa 170.000. L’Inps dovrebbe mandare nei prossimi giorni le prime lettere di ok alla richiesta di accesso alla pensione con le vecchie regole alle persone che rientrano nel decreto sui primi 65 mila salvaguardati. Poi si esamineranno le domande per il decreto appena pubblicato in Gazzetta ufficiale, che prevede altri 55 mila salvaguardati. Oltre questi, ci sono 10 mila posti per gli esodati della riforma Sacconi e 10 mila per i quali sono stati inseriti fondi nella legge di stabilità. Per questi 140 mila esodati da salvaguardare sono previsti nel complesso 9,3 miliardi.

Lucio Filipponio

 

 

 

 

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Questa degli esodati è la cosa più vergognosa che ha approvato il governo dei capaci tecnici della Bocconi. Però per amore della verità, voglio anche dire che il PD ha le sue colpe, avrebbe dovuto vigilare di più su una cosa così importante che operava sulla vita futura di tanta gente. E se il PD aveva capito che produceva tutti questi danni, non avrebbe dovuto votarla. Io ricordo, che i tecnici europei, nonché l’allora governatore di Banca Italia Draghi, avevano detto con grande chiarezza che il sistema era in ordine fino al 2060. Inoltre una della motivazioni era, che i padri erano egoisti nei confronti dei loro figli, una bufala gigantesca, intanto i nostri ragazzi la pensione non la prenderanno mai, e se mai qualcuno ci arriverà non raggiungerà neanche il 40%. Il presidente Pastropasqua giorni addietro invitava i nostri figli a sottoscrivere una pensione complementare, dovrebbe spiegare con quali soldi e con quali incarichi considerato che lui siede in 13 consigli d’amministrazione. Bersani comunque fa bene a porre la questione per il prossimo governo se pur con qualche difficoltà.

  2. io non faccio commenti con tutti i politici perchè tutti hanno partecipato a creare questa situazione.comunque vorrei sapere gentilmente,se è possibile,se io faccio parte degli esodati visto che ho perso il lavoro nel 2011 e dopo un anno di disoccupazione non percepisco più niente da parte inps dall’aprile 2012.grazie.

Lascia un commento