domenica, 22 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il segretario dell’Internazionale socialista Luis Ayala apre la campagna elettorale del Psi con Riccardo Nencini e i candidati
Pubblicato il 25-01-2013


Lista Psi

Sulle note dell’Internazionale socialista, si è aperta, nella giornata di venerdì a Roma, la campagna elettorale del Psi del segretario Riccardo Nencini. Un partito che, unico in Italia, rappresenta la profonda vocazione internazionale ed europeista dei socialisti, testimoniata dalla presenza del segretario generale dell’Internazionale, Luis Ayala che ha ricordato come «il socialismo o è internazionale o non è». Ayala ha parlato della vicinanza e dell’amicizia che lega i socialisti italiani con quelli del Cile, suo Paese di origine. Negli anni bui della dittatura di Pinochet e delle persecuzioni, dei desaparecidos e della repressione, Ayala ricorda come i socialisti italiani furono in prima fila nell’offrire solidarietà ai compagni cileni. Una reminiscenza d’affetto che il Segretario generale dell’Internazionale ha rivolto anche al presidente onorario dell’Internazionale Socialista Donne, Pia Locatelli, ricordando gli anni delle lotte portate avanti insieme in Europa così come a Santiago del Cile sotto il palazzo simbolo della Moneda. A moderare il dibattito è stato il giornalista e conduttore televisivo Alessandro Cecchi Paone.

IL RUOLO DELL’ITALIA NEL MONDO – A prendere la parola per primo è stato Luca Cefisi, responsabile italiani all’estero del Psi, che ha sottolineato come l’impronta politica di Ayala sia erede di quella stessa impostazione fatta di ideali e per gli ideali, lontana dalla burocrazia, figlia della scuola di Willy Brandt, storico presidente dell’Internazionale. Bobo Craxi, responsabile esteri Psi, ha ricordato che le cose da fare sono tante e ha invitato a rilanciare il ruolo dell’Italia sullo scenario internazionale, ponendosi alla guida di una nuova politica estera europea proiettata sul bacino del Mediterraneo, ma anche aperta a nuove realtà emergenti come l’America Latina: «L’Italia deve diventare protagonista nei e dei rapporti internazionali anche in realtà come l’America Latina», sottolinea Craxi.

RILANCIARE IL SOCIALISMO – Paolo Patané, dopo aver ricordato che il Partito socialista ha una storia di costruzione e affermazione dei diritti sociali, ha ribadito l’importanza del concetto di democrazia che non deve essere «astratto, ma deve essere un’idea concreta e pratica». Pia Locatelli, presidente onorario dell’Internazionale Socialista Donne, ha voluto sottolineare l’importanza delle donne, lamentando che nel nostro Parlamento ogni 5 deputati, soltanto uno é donna «L’Italia é un Paese che non può fare a meno delle donne» ha dichiarato l’esponente socialista. Ugo Intini, ex direttore dell’“Avanti!”, ha messo in evidenza il grande compito che il Partito socialista ha in questo momento: «Dare alla sinistra un ancoraggio nel tempo e nello spazio».

LA GIUSTIZIA – Tiziana Parenti, ex magistrato, ha ribadito la necessità di riformare il sistema giudiziario italiano che, se da un lato sembra non offrire garanzie agli inquisiti, dall’altro, spesso, non permette ai cittadini di avere giustizia in tempi consoni con uno stato democratico di diritto. «La giustizia in Italia va male, sempre peggio, e costa allo Stato, in termini economici, una cifra sbagliata. Quanti milioni di euro si spendono per custodie cautelari errate, che mai si sarebbero dovute fare!». Parenti ha poi auspicato che la presenza dei socialisti in Parlamento possa far tornare al centro del dibattito il tema della giustizia, senza il quale non esiste coesione sociale.

IL RITORNO DEL PSI NEL PARLAMENTO ITALIANO – Claudio Martelli ha rimarcato l’importanza del recuperare il presidio parlamentare da parte dei socialisti, rimasti fuori per 5 anni. Il ritorno del Psi rappresenta una premessa per la realizzazione di opere di ricostruzione volte al futuro, e non al passato. «La nostalgia, pur un sentimento giustificato quando si pensa ad anni ruggenti, in questo periodo deve lasciare spazio alla “politica dell’avvenire”». Martelli ha poi voluto ribadire che il socialismo o é di respiro internazionale o non esiste. Non deve essere una scoperta, bensì una riscoperta. Il socialismo a livello mondiale é una dimensione che va riconquistata.

IL SEGRETARIO RICCARDO NENCINI – A concludere l’incontro é stato il segretario nazionale del Psi, Riccardo Nencini che ha invitato a concepire nuove leggi, ricoprendo quello spazio lasciato scoperto dalla mancanza nel prossimo Parlamento del Partito radicale, portatore da sempre di temi come la laicità e i diritti civili. Per esempio, il leader socialista ha ricordato la centralità, per la crescita e l’ammodernamento del Paese, del concetto di merito, troppo spesso sacrificato sull’altare dei favoritismi e del conservatorismo incompetente. Il Psi, in quanto piccolo partito, dovrà scegliere alcune grandi questioni affinché la storia politica divenga «un seme che possa crescere, o figliare come direbbe Oriana Fallaci».

Silvia Sequi / Roberto Capocelli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Nessuna risonanza sui giornali di questa nostra importante iniziativa politica. Continua la sordina sui socialisti.
    Dobbiamo sapere che partiamo da qui, dalla tabula rasa fatta su di noi dalla stampa italiana.
    Sta a noi rendere i nostri progetti e le nostre idee forti da farsi sentire e poter essere amplificate come contributo alla Nuova Italia. Con umiltà e coraggio come ci hanno insegnato i compagni che hanno continuato a portare avanti la bandiera socialista, Riccardo Nencini e Pia Locatelli in testa.

Lascia un commento