domenica, 17 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lettera aperta ai socialisti e agli italiani che ci sono vicini
Pubblicato il 11-01-2013


Carissime compagne, cari compagni,

quando una storia è al punto di svolta conviene fermarsi a riflettere. Mai decisioni affrettate. Coinvolgere chi è stato con te per poi assumersi tutte le responsabilità pensando al futuro della comunità. Questo si deve fare. Per questo motivo c’è stato ritardo nelle comunicazioni. E me ne scuso.

‘Chi è stato con te’ ha vestito diversi cappotti: quelli che hanno costruito la memoria di un secolo, noti ed ignoti, dai ‘morti di Bava’ – così li chiamavano gli avi – al Nenni che legge l’Avanti nel poster gigante incorniciato sopra la mia scrivania, alla foto di Bettino con un pugno di garofani in mano in non so quale congresso fino a chi, ieri mattina, ti ha salutato per strada dicendo: ‘Ci sono’ oppure ti ha criticato ma c’è e c’è stato. E’ a loro che dobbiamo una risposta. Compreso chi ti offende, chi si dichiara socialista ma vota stabilmente a destra, chi impartisce lezioni faticando in rete ma avendo smarrito anche l’indirizzo della sezione. E infine a quanti hanno dimenticato che il 1992 non è stata un’annata da conservare e che il 2008 è un fantasma che ancora ci insegue.

Vent’anni buttati.

Abbiamo vissuto anni difficili. E’ tramontata la repubblica dei partiti e si è affermata la repubblica del populismo e degli uomini soli al comando. Un’Italia trafitta da crisi profonde, ai margini dell’Europa che decide, fragile e senza la certezza di una missione condivisa è la nazione che ci è stata consegnata.Un nuovo inizio è possibile purché prevalga il bene comune e il quadrilatero chiamato a presidiare la Terza Repubblica venga costruito attorno a inclusione, libertà, etica della responsabilità, coraggio.

Sono questi i temi cari alla cultura e alle azioni che hanno consentito al socialismo italiano di rendere il nostro Paese più civile e più libero. Roba vecchia, leggo dietro ad alcune affermazioni del professor Monti. Sarà! ma nel mondo, ovunque nell’universo mondo, il confine tra destra e sinistra passa proprio lungo quella linea. Celebrando i centoventi anni dalla nostra nascita, anche agli avversari è apparso evidente il contributo scritto dai socialisti nella trasformazione dello stato e nel progresso italiano. Nessuna rilevante riforma del XX secolo è diventata legge senza di noi. Le tutele nel lavoro, l’allargamento dell’istruzione, le fondamenta del welfare e la valorizzazione dei diritti individuali sono alla testa di un processo di rinnovamento che senza l’attività politica e la caparbietà parlamentare del PSI non si sarebbe affermato. Vale per noi quanto Voltaire scrisse per sé: ‘Ho fatto un po’ di bene. E’ la mia opera migliore’.

La fine del ciclo berlusconiano e la dura lezione imposta dalla globalizzazione hanno creato le condizioni per voltare pagina anche in Italia. Era l’ora!

Ogni fine coincide con un inizio. A condizione che un orgoglio smisurato non ti faccia compiere errori irreparabili. Siamo stati assenti per un’intera legislatura dalle due Camere. E’ lì che dobbiamo tornare. In omaggio alla buona storia d’Italia che abbiamo fatto e soprattutto per dare corpo a proposte che potrebbero renderla migliore.

Cinque anni fa, il PSI rischiava di morire.

Senza un manipolo di parlamentari, senza finanziamento pubblico, senza linea politica dopo la sconfitta della ‘Costituente Socialista’, senza un organo di stampa, senza alleanze. Abbiamo trovato il deserto. Abbandonati pressoché dall’intero gruppo dirigente, il tesseramento non ancora avviato, un bilancio economico che ci dava ossigeno soltanto per quattro mesi.

Una vita intera impressa sull’etichetta di uno yogurt. A scadenza. Restare in piedi non è stato facile, eppure siamo vivi. Tesseramento in regola (Nenni ricordava spesso che ‘chi non è iscritto non è socialista‘) e bilancio trasparente, il primo ad essere stato certificato da una società esterna; Mondoperaio e l’Avanti della Domenica pubblicano, l’Avanti on line sta crescendo con il suo salvadanaio di lettori; la linea politica che ci siamo dati nei Congressi di Montecatini, di Perugia e di Fiuggi è risultata vincente per l’intera sinistra riformista: fuori dalla coalizione Di Pietro e la sinistra radicale, apertura ai moderati; un accordo a tre siglato con la ‘Carta d’Intenti’ attorno a cui nascerà il governo dell’Italia.

Ragione e passione nei momenti decisivi.

So bene che la strada maestra si identificava con la presentazione di una lista socialista. Era già stata  imboccata con decisione. L’arrivo di Monti e la tendenza della variegata area cattolica di centro a mantenere le mani libere hanno modificato d’un tratto il quadro politico.

Ho sempre pensato che per i partiti piccoli il rischio possa nascondersi nell’ultimo miglio. Temibile. Per una ragione: se cambiano le regole del gioco oppure se a cambiare è il gioco, non hanno la forza necessaria ad opporvisi. E’ già successo. Poche settimane prima delle elezioni europee 2009 la legge elettorale è stata modificata. In un colpo i partiti medio-piccoli sono stati privati della possibilità di eleggere e, assenti dalle due Camere com’erano, non hanno potuto organizzare nessuna difesa.

Noi non abbiamo santi né in paradiso né altrove. Siamo noi e basta. Con i calli di un secolo.

La nostra valutazione l’hanno fatta anche altri. Rifondazione, Comunisti Italiani, Verdi, Italia dei Valori, Api, Mpa non si presenteranno con le loro insegne ma saranno ospiti di partiti nuovi o, peggio, ospitati da singoli protagonisti alla ribalta. Non me lo auguro ma potremmo essere gli unici tra tutti questi ad eleggere. Abbiamo iniziato a percorrere il nostro ultimo miglio una ventina di giorni fa quando, formatasi la lista ‘Centro Democratico’ (Tabacci, API, Mpa, ex Idv, alcune liste civiche) apparentata al PD, ci siamo posti la domanda: lista socialista o alleanza elettorale col PD. Centro Democratico, nei sondaggi, ha una forza simile alla nostra. La legge elettorale prevede che solo una delle due possa avere accesso al parlamento.

Hic Rodhus, hic salta.

Tutti gli organi di partito chiamati a decidere, compagni che sono stati ministro, direttore dell’Avanti, dirigenti del vecchio partito con cui mi sono confrontato, a larghissima maggioranza hanno valutato il rischio troppo alto e si sono espressi per un accordo elettorale. Perché fallire la prova avrebbe significato chiudere il libro iniziato a Genova in un mese d’agosto di fine ottocento. E’ il libro che io non intendo chiudere. Troppe pagine ancora da leggere, troppe pagine ancora da scrivere.

Il futuro è in una missione.

Capisco chi ha cuore e non si piega all’Italia che cambia. Ma non possiamo comportarci come i reduci di Salò, naufraghi in un mare di cui avevano smarrito la bussola. La maggioranza dei nostri militanti ha vissuto gli anni che, ragazzo, ho vissuto anch’io. Autonomismo socialista, riformismo di Craxi capo del governo e di Pertini capo dello stato, meriti e bisogni, una sinistra moderna, europea. Ci siamo innamorati di una storia bella. Bella perché eravamo dalla parte giusta. Non tolleriamo che l’aver avuto ragione sia oggi testimoniato da un piccolo partito. Giudichiamo inaccettabile questa verità, un torto della storia che abbiamo sempre servito dalla parte giusta.La presentazione di una lista comune è il timbro su una alleanza. Punto e basta.

Alleati col PD ma con la nostra libertà politica. Con una frontiera comune in Europa, quella del socialismo e della socialdemocrazia. Con un leader socialista condiviso da eleggere, nel 2014, ai vertici dell’Unione. Ci sarà una nutrita delegazione socialista alle Camere. Altre energie le utilizzeremo al governo e al partito fino dalla prossima primavera. Autonomia organizzativa nell’attività parlamentare e indipendenza nelle iniziative politiche. Un ‘patto di consultazione’ a significare la piena libertà dei due partiti. La richiesta di battezzare il gruppo ‘Democratici e Socialisti’ come al Parlamento Europeo. In alcuni collegi senatoriali, liste socialiste per aiutare la sinistra a battere la destra. Liste socialiste anche nelle regioni al voto (Lazio, Lombardia, Molise).

L’intesa elettorale con il PD nasce dalla spinta del PSE ed è favorita dal cammino intrapreso da Bersani. Dal partito a vocazione maggioritaria con il pantheon ambiguo di Veltroni a un rapporto stretto con la casa socialista europea nel rispetto reciproco. La presenza in Parlamento è l’ultimo mattone nella ricostruzione del partito. Qualcuno ha scritto che abbiamo fatto un accordo per le seggiole. Già, ma senza ‘seggiole’ le idee non diventano leggi. E abbiamo preteso quanto ci spettava, nulla di meno. Il giudizio si dà alla fine. Sul lavoro che verrà fatto. Sui risultati.

Nel 2008 dissi ‘no’ alla proposta di fare il capolista in Toscana. La proposta veniva dal PD. Ho fatto il candidato nella nostra lista. Sconfitto. Bene così. In ogni altra elezione ho sostenuto candidati socialisti imposti dalla Segreteria Nazionale. Il parlamento l’ho conosciuto solo con i miei voti di preferenza, in Italia e in Europa.

So bene quanto contino i numeri ma il valore più grande consiste nell’opportunità che la nostra delegazione avrà di far conoscere ai cittadini idee per anni avvolte dal silenzio. Dunque, un patto con i socialisti e un patto con gli italiani. Pronto a spiegare a chi sostiene la tesi dell’ammainabandiera. Come e quando vorrà. Mai temuto il confronto con chi si impegna, con chi è mosso da una passione. Mi spaventano invece il velleitarismo e i chiacchieroni di mestiere, quelli dell’ “armiamoci e partite”, quelli che cinque anni fa inneggiavano alla lista socialista e poi non la votarono ( in alcuni comuni, più alto il numero degli iscritti rispetto ai votanti!).

Rappresenteremo la cultura laica, altrimenti assente, e legheremo il nostro nome a leggi che valorizzino i diritti della persona. Ci impegneremo a riformare il finanziamento ai partiti vincolandolo al rispetto dell’art. 49 della Carta: chi è in regola si, chi non è in regola no. Presenteremo come primo atto una proposta di legge che istituisca una ‘patrimoniale’ sulle grandi ricchezze tale da abbattere la pressione fiscale sui redditi medio bassi e da abrogare l’Imu sulla prima casa. Queste le priorità. Le altre ci sono state indicate dalle nostre ‘Primarie delle idee’ di sabato scorso.

Dopo le elezioni si terrà il congresso. All’insegna di un profondo rinnovamento locale e nazionale. Solo una condizione. La ricordo a ciascuno di noi citando una frase scritta da Anna Kuliscioff nel 1926, un commento alla crisi socialista dei quattro anni precedenti: ‘ Vi voglio confidare un segreto. Sapete perché le folle non ci hanno più seguito? Non date retta a tante spiegazioni storiche o economiche. C’è una sola ragione. Abbiamo sofferto troppo poco. Un partito non può vivere di usufrutto su qualche anno di prigionia accantonato prima del 1900’. Analisi fredda, spietata e in larga parte giusta. Valida anche per noi.

Riposare sul passato fa inaugurare i musei. E basta.

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Riccardo , sei riuscito con le tue nobili e sincere parole a fare breccia nella corteccia di scetticismo e disamore che avvolgeva ormai da troppo tempo il nostro cuore.
    Vai “Avanti!” così per tutti noi e per questa nostra grande e immortale bandiera socialista.
    Attilio da Grosseto.

  2. Condivido e l’ho sostenuto, via internet con i compagni di RE, che la priorità è quella di poggiare la nostra presenza nel parlamento senza la quale, aldilà del volore delle nostre proposte, penso ad una nuova assemblea costituente, sarebbe muto.

  3. Bravo il Segretario sono certa che ha il consenso di gran parte della base, senza seggiole le nostre idee anche se ottime rimarrebbero nel limbo degli inascoltati,ora però attenzione a chi mettiamo su quelle seggiole altrimenti potremmo rovinare ancora una volta tutto. Riccardo non si discute, ma per il resto stiamo attenti e ponderiamo bene, non vanno assolutamente premiati coloro che hanno solo interessi personali all’apparire e fare baruffe interne ancora una volta per farsi fuori a vicenda. Questo può sembrare fuori luogo, ma per chi come me che ha sempre solo fatto militanza faticosa, priva di gloria per altro mai cercata, è triste assistere all’interno delle Federazioni a vecchie dispute. Poi non lamentiamoci se i giovani non si avvicinano a noi, i giovani queste cose non le capiscono, ma capiscono bene l’impegno, la serietà, il rigore, il lavorare senza tornaconto nell’interesse di tutti e lo prendono come esempio. Per questo vi assicuro Riccardo Nencini piace ai giovani, i vecchi soloni pieni di boria lascino perdere e lavorino seriamente per il partito.

  4. Caro Nencini, la decisione presa è una decisione coraggiosa e giusta, perchè così facendo abbiamo la possibilità di incidere sulle leggi in parlamento e portare le idee riformiste in un paese che per troppo tempo a visto assente le proposte socialiste, le quali devo essere portate anche in Europa. Le sfide che ci attendono sono importanti e noi saremo all’altezza della sfida. Buon lavoro.

  5. Noi del Sud Pontino ti abbiamo già accordata la nostra fiducia prima della conclusione della trattativa. Come eravamo pronti ad affrontare anche da soli le elezioni così siamo pronti a sostenerti ora nella difficile battaglia della ricostruzione di un parlamento che guardi ai bisogni dei cittadini, alla salvaguardia della laicità dello Stato, al lavoro per i giovani e ai bisogni degli anziani. Alle regionali ci impegneremo come tu sai e VINCEREMO! W il PSI.

  6. io non so se è giusta o sbagliata la decisione. L’idea socialista purtroppo si vede sempre meno.
    Bisogna riprendere a compiere azioni quotidiane, svincolate dagli impegni elettoali. Bisogna alimentare il dibattio e l’azione nelle scuole, nelle fabbriche nei bar.
    Il socialismo non è solo un impegno elettorale.
    Il socialismo è una necessità dell’uomo. Gabbie culturali ci oscurano impedendoci di guardare verso la luce. Dopo queste elezioni spero di trovare socialisti che sappiano avanzare con gioia sapendo di essere portatori dell’idea giusta.

  7. Caro segretario, credo che la paura di ripetere l’insuccesso del 2008, abbia pesato troppo sulle decisioni che lei ha voluto prendere in questi giorni. Credo che l’accordo raggiunto con il PD sia penalizzante in quanto i pochi posti a noi concessi, non riusciranno a rappresentare quella che è la forza del nostro partito a livello regionale. Io sono umbro e sarebbe inutile ricordarle che il nostro partito in Umbria raccoglie un forte consenso, che però allo stato attuale sembra non servire a niente in quanto nessuno dei nostri rappresentanti locali è stato inserito tra i candidati. I socialisti in umbria sono rappresentati in regione, in provincia ed in molti comuni. Ed è superfluo ricordarle che il segretario nazionale della FGS, Claudia Bastianelli è umbra, e che solo per l’impegno e l’energia che mette nel ricoprire il suo ruolo andava premiata. Credo che la tornata elettorale prossima, sarebbe stata una buona occasione per “contarci”. E se fosse andata male per lo meno avremmo avuto la definitiva certezza che il socialismo in italia è tramontato. Così invece vivacchieremo per altri 5 anni con una decina di stipendi d’oro ai soliti noti (vedi Craxi), rimanendo sempre con lo stesso dubbio……di non sapere quanti siamo.

  8. Caro Riccardo, sono contento che alla fine del lungo percorso i socialisti tornino in parlamento. Certo non è stato facile trattare con il PD, la voglia antica di questo di parlare anche per noi non è per niente finita. Parliamo invece un liguaggio comune sulle cose da fare, del lavoro, della scuola, dell’nfanzia e degli asili nido. delle donne, della sanità,degli anziani e delle pensioni da fame che spesso accompagnano parecchi di loro………L’elenco potrebbe continuare, certo non è possibile fare tutto. Esistono però delle priorità importanti come quelle elencate. Anch’io voglio raccomandarti di fare attenzione alle scelte dei candidati. E’ chiaro che tutta la nostra azione non può prescindere dall’obiettivo del socialismo e dell’Europa. Fraterni saluti. Giancarlo Moschin

  9. Cari compagni , ho voglia di lottare per riportare il vero socialismo, quello pulito e quello sano, al posto che gli spetta.
    le mie idee erano leggermente differenti, poi ho capito leggendo una frase del compagno Sandro Pertini ………I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo…………. di che cosa l’ Italia ha bisogno.
    Caro Compagno Nencini, l’ italia ha bisogno dei nuovi “noi”, ha bisogno di altruismo di coerenza e di onestà.

  10. La tappa rappresentata dal l’emersione del Partito dalla nullità in sede istituzionale è superata. Nencini ha lavorato bene e ha portato tutto il Partito all’appuntamento. Il percorso di formazione del Partito della socialdemocrazia europea in Italia si fa concreto e comincia a delineare fisionomia ed identità oggettive e soggettive.
    Occorre lavorare ora per dare visibilità alla nostra iniziativa, non già per distinguerci da PD, per cercare nuove autonomie, bensì per dare forza al processo di modernizzazione del Paese, cui serovo le idee dei socialisti.

  11. Caro Nencini, l’anima laico-socialista avverte un forte bisogno di rilancio del PSI con proprie liste distinte da quelle dell’alleato PD. Ad evitare che per votare Bersani ci tocchi votare – complice il porcellum – candidati ex-democristiani sia alla Camera che al Senato, come avviene a Trieste…oppure votare per SEL. Il PSI deve colmare il vuoto di laicismo determinatosi in Italia.
    Forza Nencini! Forza PSI!
    Mario Trieste

  12. Caro Riccardo, a Pomigliano il mese scorso abbiamo avuto una gioia e un orgoglio di essere socialisti nella ricorrenza dei 120 anni del partito che non avevamo da anni. Grazie a te e al gruppo dirigente , questo partito sarà di nuovo in parlamento: I socialisti e gli italiani ne hanno fortemente bisogno. Vai avanti così, tanto i dioscuri sono sempre gli stessi!

  13. L’Italia non può stare senza socialismo….Parlo dell’Italia libera ovviamente. Caro segretario non ci spaventa soffrire… i nostri padri, prima di noi, hanno sofferto per dare giustizia e libertà d’espressione … per essere SOCIALISTI. Vai Avanti…continuiamo ad essere un esempio….

  14. Caro Segretario, da iscritta e sostenitrice del PSI, sento il bisogno di richiamare la sua attenzione sui temi che mi aspetto il Partito faccia suoi in Parlamento: difesa del lavoro e dell’art.18, redistribuzione fiscale improntata ad una maggiore progressività ed equità, rivalutazione delle pensioni, sostegno alla ricerca ed all’innovazione tecnologica. In Italia c’è bisogno di tutelare il ceto medio, che si è via via impoverito negli ultimi anni e che, costituito da persone con un alto livello di scolarizzazione, rappresenta una risorsa preziosa per il nostro Paese. Sarei molto delusa qualora il PSI decidesse di perseguire politiche radicali, che da cattolica non condivido, anziché affrontare i temi seri e moderati sopra riportati.

Lascia un commento