martedì, 24 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Video – Il segretario del Psi Riccardo Nencini sigla l’accordo con il segretario del Pd Pier Luigi Bersani
Pubblicato il 16-01-2013


Nencini-Bersani-accordo

Un accordo di portata storica quello firmato, questa mattina, tra Psi e Pd nella sede del Partito democratico a largo del Nazareno a Roma. Premiata la linea del segretario Riccardo Nencini che, insieme con il leader della coalizione di centrosinistra, Pier Luigi Bersani, ha sottoscritto la presentazione di un’unica lista Pd-Psi che si inserisce nel percorso avviatosi con il Congresso del Partito Socialista Europeo di Bruxelles dello scorso settembre, quando venne condivisa la candidatura a premier di Pier Luigi Bersani.

Roberto Capocelli


Firmato l’accordo tra Nencini e Bersani per la… di AvantiTV

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Di qui si passa per ricostruire una presenza socialista significativa in Italia. Ed il discorso vale non soltanto per Nencini che beneficia dell’apporto organizzativo dei Democratici ma anche per Bersani che ha colto un successo insperato a Bruxelles al Congresso dei Socialisti europei sotto il cui auspicio ha concluso il Patto coi Socialisti Italiani guidati da Nencini. Questo accordo rappresenta il fatto politico piu’ rilevante per capire quello che succedera’ alla SINISTRA RIFORMISTA da qui in avanti.

  2. Il ritorno di un gruppo di socialisti in Parlamento è assolutamente indispensabile perchè il partito torni a far sentire la propria voce da livelli più alti. Averlo ottenuto è un successo di Nencini e del nostro partito, che egli rappresenta sempre con intelligenza e fierezza. Un grazie di cuore al segretario. Auguriamoci che i lavoratori e gli elettori tutti aiutino le forze autenticamente riformiste a vincere.

  3. Il ritorno di un gruppo di socialisti in Parlamento è cosa di estrema importanza per la vita del PSI. Bisogna riconoscere a Nencini e ai dirigenti che lo collaborano il merito di avere tenuto duro per ottenere quanto giustamente il partito chiedeva. Grazie al segretario

  4. Nencini e i dirigenti che lo collaborano hanno il merito di avere tenuto duro e ottenuto alla fine quanto giustamente richiesto per il bene del partito. Un gruppo di socialisti tornerà in Parlamento e rappresenterà il Psi. Era cosa assolutamente necessaria per la vita del partito in cui crediamo.

  5. Voto PSI da oltre 50 anni e oggi vedo la speranza di poter ritornare ad essere rappresentato degnamente da nostri deputati in quello che dovrebbe essere il tempio della Democrazia. Grazie Riccardo Nencini per la tua opera instancabile.

  6. La porta è certamente molto stretta, anzi strettissima, ma è comunque un varco verso il rientro di un manipolo di socialisti in Parlamento. Andiamo avanti insieme, anche ingoiando bocconi amari.

  7. Riccardo, credo che si siano valutati i pro e i contro di questo accordo.
    Senz’altro darà più visibilità al nostro partito e vi sarà un ritorno anche per le prossime amministrative.
    Mi auguro che non accada come in Regione Emilia Romagna, dove la nostra consigliera è inesistente o nascosta nel gruppo del PD senza che sia un riferimento ai socialisti emiliano-romagnoli.

  8. Sono contento che una strategia abbia raggiunto il suo scopo. Tuttavia non scordiamo che il cammino inizia solo adesso e la meta è molto lontana. Sarà fondamentale se: saremo credibili, se avremo metodo, se saremo onesti, seri, affidabili, coerenti, preparati, coesi, se saremo…….essere socialisti e non qualcosa di indefinito. Il sostegno non verrà a mancare.
    Tito

  9. ok, speriamo che un paio di deputati e qualche senatore possano occupare una comoda poltrona cosìcchè si possa delegare ad altri quello che il popolo socialista non sa più fare: pensare ed agire. Dal parlamento la chiamata alle piazze sarà più facile.
    Allearsi con chi di socialismo non ha dimostrato mai in vita sua ed essere fieri solo perchè da bruxelles lo acclamano come sicario ideale per assassinare ogni fermento socialista e libertario i9n Italia è davvero bello.
    Continuare a sopportare, in cambio di un elemosia, lo sterminio di una storia devo rendermelo gradevole. Magari ingoierò pure un nostro appoggio ad una nuova agenda Monti, con cui inevitabilmente andremo ad allearci.

  10. La sinistra riformista italiana e quindi la democrazia italiana ha ancora molto bisogno della presenza socialista. Non si poteva correre il rischio di essere assenti per un’altra legislatura dal parlamento. Sarebbe stata la fine sicura.

  11. Il tempo sa rendere giustizia più delle sentenze dei tribunali. La storia socialista è stata fatta da uomini e donne che l’hanno riempita di idealità pensando al bene comune. Non sempre i vari leader che si sono avvicendati alla guida del partito più antico d’Italia hanno saputo incarnare gli ideali originari. Imparando dagli errori del passato è giunto il momento di voltare pagina e di andare AVANTI! Un grazie al segretario Riccardo Nencini per aver contributo, insieme al gruppo dirigente, a concretizzare questo accordo politico col PD e ad aver dato un nuovo orizzonte per il progresso dell’Italia.

  12. Bravo Nencini! Sei un grande! Adesso sarà possibile avere una significativa presenza parlamentare.Inostri voti potrebbero risultare determinanti per conseguire la maggioranza anche al Senato.Le nostre idee? Laicità,libertà,difesa dei diritti del mondo del lavoro.

  13. sono socialista convinto. Marco di Lello era segretario dei Giovani socialisti quando io vi ero iscritto. in un momento storico come questo l’intesa con il pd era pressappoco indispensabile. solo che mi chiedo: può questo essere il primo avamposto per la creazione di un partito unico della sinistra laica e riformista? io spero si si, anche a costo di rinunciare al nostro glorioso nome!

Lascia un commento