sabato, 21 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

PRIMARIE DELLE IDEE DEL PSI: L’IMPORTANZA DELLA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI NELLA GESTIONE DELLA “RES PUBLICA”
Pubblicato il 05-01-2013


Diecimila. Questa la soglia superata dalla campagna online per la consultazione nazionale, lanciata lo scorso 31 dicembre dal Partito socialista italiano. E, a partire da questa mattina, sarà possibile votare anche nelle piazze centrali di tutte le province italiane. “Le tue idee per la tua Italia!” rappresenta un progetto nuovo del Psi finalizzato alla promozione e alla divulgazione di idee nuove grazie alla partecipazione diretta dell’elettorato socialista e riformista, chiamato ad indicare priorità ed esigenze nell’azione di governo del centrosinistra. L’iniziativa mette a disposizione circa 200 gazebo, presenti nei capoluoghi di provincia e in numerosi comuni, ove i cittadini potranno esprimere – in forma anonima – il loro punto di vista su una serie di temi centrali per le scelte politiche dei socialisti.

IL QUESTIONARIO E I TEMI – La segreteria del Psi ha predisposto un questionario presente sul sito ufficiale del partito (www.partitosocialista.it) e sul quale i cittadini potranno anche oggi esprimersi rispondendo a domande relative a temi che vanno dall’economia all’istruzione, passando per il lavoro, la laicità, i diritti civili e i giovani. Tra le questioni proposte vi sono quelle sulle quali il Psi da tempo si sta impegnando affinché vengano affrontate e rese concrete: l’introduzione della cosiddetta patrimoniale sulle grandi ricchezze con la relativa abrogazione dell’Imu, l’introduzione del termine “laico” nel articolo 1 della nostra Costituzione, il riconoscimento dello “ius soli” per chi nasce in Italia, la riduzione della pressione fiscale su redditi da lavoro dipendente e sulle pensioni, così come il progetto giovani con il sostegno a chi studia con merito e l’introduzione del micro-credito a favore di chi ha perso il lavoro. Il questionario è suddiviso in 6 macro aree, per un totale di 32 domande. “Economia e lavoro” è la prima grande problematica su cui ci si pronuncia, seguita da “Laicità e diritti civili”, “Riforme istituzionali”, “Giovani e sapere”, “Giustizia” e “Beni comuni”.

LE PROVINCE DOVE VOTARE – Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria e Veneto. Queste le province dove, dalle 10 di questa mattina fino alle 17, sarà possibile rispondere alle domande del questionario che potrà essere compilato anche dai ragazzi che hanno compiuto 16 anni e dagli stranieri con regolare permesso di soggiorno.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Mi sarei aspettato un tema riguardante la riforma radicale della pubblica amministrazione con alla base il suo ruolo di servizio ai cittadini e non di controllo preventivo delle loro intenzioni e l’etica della responsabilità e il dovere del senso civico e del comportamento corretto per tutti i suoi componenti e per gli eletti ai vari livelli istituzionali, con momenti di controllo e con sanzioni severissime per i contravventori.

Lascia un commento