domenica, 17 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Spagna, arrestata per una frase di Gramsci nel giorno in cui nasce il partitoX
Pubblicato il 09-01-2013


E’ successo nella prima settimana del 2013, ma l’evento ha riportato indietro nel tempo molti spagnoli. La notizia sta rimbalzando sui blog e social network, come avviene in questi casi intrecciati a doppio filo con le nuove forme di comunicazione, una esponente degli Indignados di Madrid (Movimento 15 M) è stata accusata e denunciata per “istigazione alla violenza attività cospirativa, istigazione alla guerra civile, apologia di reato e incitamento all’odio di classe” dalla polizia postale spagnola per aver scritto su twitter dall’account @almu_en_lucha la frase del segretario del Partito Comunista italiano Antonio Gramsci: “Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra forza”.

IL WEB SI SCHIERA CON ALMU MONTERO – In poche ore il profilo twitter e facebook di Almu Montero, riconoscibile dall’immagine di Pippi Calzelunghe è stato invaso da migliaia di messaggi di solidarietà. “È una vergogna, siamo di nuovo sotto il fascismo”, è il leit motiv che si ritrova sfogliando la pagina utilizzando l’hashtag #Gramsci. La ragazza che fa parte del movimento di protesta 15M secondo quanto riportato dalle fonti online come  forum e blog, è stata costretta a presentarsi all’Audiencia Nacional di Madrid per rispondere ad un interrogatorio. La vicenda, solo in un secondo momento, è stata riportata anche da molte testate giornalistiche nazionali. Almu Montero, è riapparsa su twitter, per commentare a caldo le accuse e la giornata : “Mi accusano di scrivere messaggi violenti, tra cui quello in cui cito Gramsci. È ridicolo”.

LA VOCAZIONE INTERNAZIONALE DEL PARTITO X – Quella che a molti, anche tra gli stessi indignados sembrava una leggenda metropolitana da oggi inizia a scricchiolare sotto i colpi di una triste verità, la polizia attraverso i social network monitora il movimenti degli esponenti più in vista. Se la rivoluzione degli indignados non è mai uscita dalle piazze, oggi è spuntata una nuova formazione (http://partidodelfuturo.net), un movimento che non nasconde mire politiche, basato su Wikigobierno, iniziative legislative popolari, partecipazione diretta dei cittadini nell’elaborazione delle leggi, trasparenza e Internet come strumento di lavoro. Il Partito X nasce con una vocazione internazionale, e non grillina, l’obiettivo è quello di portare in Spagna le esperienze di interventi cittadini nella gestione politica come nei “governi digitali” del Rio Grande do Sul in Brasile e della capitale Islandese Reykjavik. Gli esponenti del Partito X per ora scelgono l’anonimato, nascondendo la propria identità fino al momento di presentarsi alle prossime elezioni, che in molti e non solo nel PartitoX credono vicine: “Non vogliamo cadere nella logica personalistica dei partiti, difendiamo l’importanza delle proposte e del lavoro. Dobbiamo concentrarsi su iniziative e proposte che partono dalla società civile”.

SPAGNA IN BILICO TRA GRAMSCI E PARTITO X – Strana la Spagna del nuovo anno, incastrata virtualmente tra Gramsci e il partitoX, intanto a Madrid si dimettono la metà dei direttori sanitari delle cliniche per protestare contro i tagli della spesa pubblica e a Pamplona i fabbri della città incrociano le braccia e ferri interrompendo la collaborazione con gli ufficiali giudiziari e con le banche per sostituire le serrature agli alloggi degli sfrattati.

Sara Pasquot

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento