domenica, 17 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Storace candida ex Grande Fratello Patrick Ray Pugliese. Niente di meglio per la cultura di destra
Pubblicato il 31-01-2013


Patrick PuglieseLa destra italiana, tra le più arretrate e retrograde di Europa, cerca di adeguarsi ai tempi candidando persone provenienti dalla “società civile”. Fanno quello che possono. I risultati, infatti, sono decisamente adeguati al livello culturale. «Ma quali scandali nella casa del “Grande fratello”… pensiamo piuttosto a quello che combinano i politici di tutti i partiti, scandali a mio giudizio assai più gravi». Così Patrick Ray Pugliese, ex concorrente del Grande Fratello, ha ufficializzato la sua candidatura alle regionali con “Grande Sud Uniti” per il Lazio, il partito arancione in coalizione con Francesco Storace. Se si dovesse pensare ad uno spot pubblicitario, il messaggio sarebbe “Più populismo non si può”.

LA COMMEDIOLA POLITICA: «SONO UNA STAR E SCENDO IN CAMPO» – «Sono stato una star della Tv – ha detto Pugliese – e ora scendo in campo per porre fine agli scempi che ho visto venendo a contatto con le moltissime persone che ho avuto la possibilità di conoscere in giro per l’Italia, per motivi legati proprio al mio lavoro». Una garanzia, insomma. Ma la “star” non si ferma qui: proprio in riferimento alle sue “frequentazioni” Pugliese ha affermato di avere una «conoscenza capillare del territorio, con tutti i suoi problemi, insieme al disappunto per l’ultimo anno e mezzo di politica che mi hanno portato a voler entrare in campo e cercare di dire la mia su questa situazione particolarmente difficile che sta vivendo il Paese».

IL GRANDE SUD VUOLE CAMBIARE, MA STORACE ERA CON LA POLVERINI –  Ma perché scegliere di allearsi proprio con il Grande Sud Uniti per il Lazio? «Perché è un partito propositivo che vuole per la Regione un cambio in meglio- spiega il candidato- e che con uno sguardo attento alle tematiche ambientali, in particolare all’ecologia, mira al benessere dei cittadini».

SONO UNA STAR, ANZI UN GIORNALISTA – Alle eventuali critiche che potrebbero essergli mosse per la sua provenienza dal mondo dello spettacolo, Pugliese risponde così: «Non credo ce ne saranno, la gente è stanca di vedere politici veri che non fanno bene il loro lavoro. E poi tutti mi conoscono solo per la mia partecipazione al reality show Grande Fratello, quando in realtà io ho iniziato il mio percorso professionale come giornalista televisivo: dal ’99 al 2003 ho lavorato per il Tg di “Mc Sat”, un canale del Principato di Monaco. Vorrei però anche e soprattutto ricordare la mia esperienza come inviato per “Striscia la Notizia” e per “Le Iene”, attraverso la quale ho maturato sensibilità per le inchieste e per i temi italiani più scottanti: dagli abusi edilizi alle truffe dei politici che non mantengono la parola data».

“I GIOVANI” NON POTEVANO MANCARE – Riguardo invece ai motivi che lo hanno spinto a candidarsi, Patrick Pugliese esclude quello di ottenere una maggiore visibilità: «Non ho bisogno di fare politica per questo perché dal 2004 ad oggi ho già vissuto una grande notorietà, né tantomeno di fare soldi come invece molti fanno». Tra i suoi progetti politici, infine, ci sono quelli legati soprattutto alle Politiche Giovanili: «Vorrei occuparmi di tutti quei ragazzi disoccupati che hanno perso le speranze – conclude Pugliese – di quelle famiglie di giovani genitori che vivono nell’angoscia di un futuro incerto per i loro figli, e vorrei combattere l’abuso di alcol e il fenomeno del bullismo».

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Prima di sparare a zero sulla “inadeguatezza” di Patrick, forse ci si dovrebbe informare sulla persona prima che sul personaggio del Grande Fratello 4 (edizione del resto resa memorabile proprio dalla sua partecipazione). Patrick, di padre italoargentino e di madre ungherese parla correntemente 5 lingue, oltre all’italiano e all’inglese, lo spagnolo e l’ungherese, così come il francese, dal momento che ha vissuto e lavorato (come giornalista in una emittente privata) per molti anni a Montecarlo. E’ una persona eclettica,infatti dipinge, usando l’appellativo di Patrick Ray Pugliese di Arcevia (fa parte della scuola pittorica di Arcevia) e ha disegnato telai per mountainbike (il ciclocross è un’altra sua grande passione). Solo dopo il grande fratello ha iniziato a far parte del mondo dello spettacolo, sempre comunque in ruoli di grande professionalità (inviato di Striscia la notizia e Le Iene, deejay, produttore musicale). Sarebbe auspicabile la presenza di tanti giovani preparati e entusiasti come Patrick alla guida delle politiche giovanili, senza farsi influenzare solo dall’appartenenza politica e dal pregiudizio.Una estimatrice di Patrick della prima ora.

Lascia un commento