martedì, 24 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Vacanze d’inizio anno? 9 italiani su 10 preferiscono attendere
Pubblicato il 08-01-2013


Crisi economica e incertezza politica sono i principali fattori frenanti per gli italiani che intendono pianificare dei viaggi durante l’anno da poco iniziato. Per i primi tre mesi del 2013 a prenotare una vacanza sono stati 5,7 milioni, pari all’11,2% della popolazione. Si riduce, dunque, rispetto al 2011 il numero di vacanze che gli italiani intendono svolgere nel primo trimestre dell’anno: da 9,1 milioni a 6,5 milioni. Questi dati sono stati resi noti da “Impresa turismo”, periodico di approfondimento scientifico sul mondo del turismo, a cura dell’Isnart, l’Istituto Nazionale Ricerche Turistiche, mentre un’altra ricerca ha rilevato che il turismo interno in Italia è diminuito del 18% nel 2012 e, nell’insieme, gli spostamenti e turistici degli italiani hanno registrato un calo del 15%.

L’ATTESA DEGLI ITALIANI ALL’INIZIO 2013 – La ricerca dell’Isnart ha rilevato che 9 italiani su 10, l’89% della popolazione, hanno deciso di aspettare prima di pianificare una vacanza. In particolare è il mese di marzo a sembrare troppo lontano per programmare una futura vacanza, soprattutto a causa del clima di incertezza politica che si sta vivendo, in vista delle prossime elezioni, e che potrebbe influire sulle scelte e sui budget di spesa. Sulla base dei dati forniti da Unioncamere e dall’Osservatorio nazionale del turismo, per il primo trimestre del 2013 le mete preferite degli italiani saranno la montagna in Italia (46,7% dei soggiorni in Italia) e le città d’arte italiane (28,4%), ma soprattutto all’estero (70,3% di quelli oltre confine).

VACANZE IN CALO NEL 2012, PEGGIO DEL 2011 – Nonostante il mercato italiano delle vacanze organizzate abbia registrato un incremento del 2,6% rispetto allo scorso anno, il turismo interno in Italia si è contratto del 18% nel 2012 e, nel complesso, i movimenti turistici degli italiani hanno subìto un calo del 15%. Questi i dati rilevati dall’Osservatorio nazionale imprese viaggio e turismo di Fiavet (la Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo), raccolti in collaborazione con Isnart.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento