lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Aspettando Sanremo, è polemica sulla presenza di una coppia gay. Scatta il toto-bacio
Pubblicato il 11-02-2013


Gay-SanremoMancano poco più di 24 ore all’inizio della 63esima edizione del Festival di Sanremo e le polemiche non tardano a scaldarne la vigilia. Anzi ad infuocarla, nonostante sulla Liguria la nevicata in corso sia copiosa e le temperature in picchiata. Sembra confermata infatti la presenza, domani sera, di una coppia di ragazzi gay che dovrebbe salire sul palco per una riflessione sul tema dei diritti. A far scattare i pronostici ora è il toto-bacio tra i due uomini. Nel video che sta spopolando sul web i due futuri sposi (dovrebbero contrarre matrimonio a New York il prossimo 14 febbraio) si baciano, staremo a vedere se lo faranno anche dal palcoscenico di Sanremo. Nel frattempo Silvio Berlusconi è tornato a lanciare provocazioni sulla kermesse canora.

LA PRESENZA DELLA COPPIA GAY – «Vedrete sarà una cosa delicata. Riprenderemo una parte di quel video» ha reso noto il conduttore Fabio Fazio, alludendo al fatto che il bacio – che chiude la clip dei due innamorati – domani sera non ci sarà. Anche Luciana Littizzetto, co-conduttrice del kermesse insieme a Fazio, ha escluso il bacio, ironizzando: «Non che non si baciano, solo io posso baciare Pippo Baudo su quel palco».

FAZIO SULLE POLEMICHE – Sulle recenti polemiche sollevate da Berlusconi circa la scelta di non spostare il Festival a causa della campagna elettorale nel pieno della sua espressione, Fazio ha puntualizzato che «la vita è fatta di tante cose: non è che siccome ci sono le elezioni il resto dell’esistenza si ferma». «Le altre reti – prosegue il conduttore – daranno spazio ai candidati, che peraltro negli ultimi giorni sono stati in tv tutti i giorni dalla mattina alla sera e ci saranno anche la prossima settimana. Non credo che il festival della canzone e la politica siano incompatibili: ci sono momenti per l’uno e per l’altra, anzi trovo che questo sia un segno di riequilibrio»

L’ALTRA PROVOCAZIONE DI BERLUSCONI – Il leader del centrodestra durante una delle sue numerose apparizioni televisive è tornato sulla kermesse canora dichiarando: «Non vorrei che il festival della canzone italiana diventasse il festival dell’Unità, così come sembra da quello che viene programmato dai vari protagonisti». «Se si verificasse davvero che il festival di Sanremo diventasse il festival dell’Unità, la Rai non avrebbe piu’ il pagamento del canone da almeno il 50 per cento degli italiani» ha poi aggiunto Berlusconi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento