martedì, 19 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Borse: dopo il crollo di ieri, piccolo rialzo grazie all’asta Btp
Pubblicato il 27-02-2013


Borsa-crolloL’incerto esito delle elezioni politiche di domenica e lunedì e la preoccupante ingovernabilità a Palazzo Madama hanno provocato reazioni anche sulla Borsa, che ha reagito male, e sullo spread, che è tornato a salire. Inoltre, l’agenzia di rating “Moody’s” stamane ha lanciato il monito sulla stabilità a rischio dell’eurozona, causata dall’incertezza politica italiana. Ma dopo la giornata di ieri, in cui Piazza Affari ha bruciato 17 miliardi, stamane la Borsa ha registrato un leggero recupero in seguito all’asta dei Buoni del Tesoro Poliennali (Btp), rispettivamente a 5 e 10 anni, con rendimenti in crescita rispettivamente al 3.59% e 4.83%, tasso ai massimi dallo scorso ottobre. Nel frattempo lo spread si è attestato sui 340 punti base.

MOODY’S, INCERTEZZA NEGATIVA PER RATING – Secondo quanto reso noto da una nota, secondo Moody’s, l’incertezza dell’esito del voto in Italia è «negativa» per il rating italiano e aumenta la possibilità di nuove elezioni, prolungando potenzialmente l’instabilità politica del paese. L’agenzia di rating ritiene che in seguito all’esito incerto di questa tornata elettorale resta il rischio di un «riaccendersi della crisi della zona euro», perché le implicazioni del voto vanno «ben oltre la sola Italia».

LO SPREAD A 340 PUNTI BASE – Con la complicità dell’andamento positivo dell’asta decennale, il differenziale tra il rendimento dei titoli decennali italiani e i corrispettivi bund tedeschi si è leggermente ridotto, attestandosi a 341 base dai 346 dell’ultima chiusura.

UN BROKER, ATTESA PER TUTTI – In ogni caso il mercato procede all’interno di un moderato rialzo dopo il crollo di ieri provocato dall’esito delle elezioni che non ha visto un vincitore politico netto. «Per i mercati l’unica soluzione è quella di un governo di larghe intese che faccia qualche riforma per poi ritornare al voto fra un anno», sostiene un broker. «Tutti attendono di vedere come procederanno a livello politico» ha poi aggiunto.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento