venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Elezioni politiche: Bersani, se io premier mi dimetterò da segretario Pd
Pubblicato il 15-02-2013


Bersani-RepubblicaTVIn caso di vittoria alle prossime elezioni politiche, qualora dunque facesse il suo ingresso a Palazzo Chigi, si dimetterà da segretario del Pd. Parola di Pier Luigi Bersani che non ha intenzione di «fare due mestieri». Il leader democratico ha inoltre sottolineato che l’alleanza stretta dal centrosinistra è non solo con il leader di Sel, Nichi Vendola, ma anche con Bruno Tabacci, numero uno di “Centro democratico” e Riccardo Nencini, segretario nazionale Psi, con cui è previsto un incontro domani a Brindisi.

BERSANI, LA FOTO DI GRUPPO È CON VENDOLA, NENCINI E TABACCI – Il candidato a Palazzo Chigi alle prossime politiche ha voluto ricordare che l’alleanza stipulata, oltre a Vendola, prevede il leader socialista Nencini e Tabacci. «La foto di gruppo è questa qua e sono sicuro reggerà più la nostra di coalizione delle altre, se non altro perché fatta in un bagno di popolo».

BERSANI, STUCCHEVOLE ATTACCARE VENDOLA – Sulle recenti polemiche tra Monti e Vendola, il leader democratico ha voluto ricordare che la coalizione è nata con le primarie e «la si rispetti». Bersani ha poi definito «stucchevole» la recente abitudine di criticare Vendola da parte dei centristi.

BERSANI, NO ACCORDI SEGRETI – Qualora si presentasse la necessità di ampliare la coalizione di centrosinistra, il confronto non si concreterà «in segrete stanze. Io non mi immagino lì a mediare, ma a tirare dritto con 4 o 5 provvedimenti e poi vediamo chi ci sta» ha ammonito Bersani. «Con i problemi che ha questo Paese, vedrete che tutte queste cose passeranno in secondo ordine e voglio vedere chi si sottrarrà alla responsabilità» ha poi aggiunto il leader Pd.

TOUR DI NENCINI, DOMANI INCONTRA BERSANI – Nel frattempo procede il “Giro d’Italia” del leader socialista, nonché candidato capolista al Senato. Domani, a Brindisi, alle ore 18 è previsto un incontro con Bersani durante il quale Nencini presenterà il cosiddetto “decalogo”, ossia dieci proposte di legge che i socialisti intendono presentare nel primo mese di attività parlamentare e che concernono temi come giustizia, legalità e diritti.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Bello l’entusiamo PSI,emoziona sempre vedere il Partito
    che rispunta pieno di speranze.
    Il mio commento,che nasce da delusioni vecchie e…recemti,
    non é altrettanto entusiastico,Il Signor Bersani (mi stava scappando “ompagno”) NON E’ personaggio affidabile,é l’erede di D’Alema che spedì i ompagnidi base a INSULTARE
    Bettino Craxi. (c’erano insieme l leghisti ).
    Più reentemente,alle elezioni provinciali, dopo aver sottoscritto
    un accordo regionale,il PD ha negato il onsigliere PSI a Mantova. Il Signor Bersani lo sa????? Io sono vecchio e i vecchi hanno buona memoria per i fatti passati.
    Il PCI.ora Pd cavalca la tigre da sempre:Ora manda avanti
    Ambrosoli,hai visto mai che vince e Bersani si ritrova in giunta.?.Contrriamente c’é Vendola,Monti e tutti gli altri con i
    quali ha già inciuciato a livello nazionale Ovviamente e,
    nonostante tutto,voterò da Socialista,ma confesso di non apprezzare molto….i “compagni” di viaggio.
    Fraterni saluti.

    domenico gentile

Lascia un commento