sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Svizzera sbugiarda Berlusconi: «Non ha soldi per restituire l’Imu»
Pubblicato il 23-02-2013


Berlusconi-Svizzera-IMUE’ ormai un pugile suonato alle corde che, da un momento all’altro, si aspetta il gancio finale che lo metterà KO. A sorpresa, a poche ore dalla definitiva chiusura della campagna elettorale, Silvio Berlusconi ha deciso di non prendere parte al comizio del Pdl previsto, per ieri pomeriggio, a Napoli. Secondo quanto riferito dagli stessi collaboratori del Cavaliere, la scelta sarebbe stata presa sotto consiglio dei suoi medici a causa di una congiuntivite. Berlusconi avrebbe preferito riposare per essere pronto all’appello finale in Tv di questa sera: sceglie la televisione al territorio, come da sua cultura.

SBUGIARDATO DAGLI SVIZZERI – Proprio come un pugile ormai quasi al tappeto, Berlusconi prende sberle da tutte le parti. L’ultima arriva dalla Svizzera: l’ex premier aveva, infatti, lanciato la sua solita promessa elettorale irrealizzabile, un po’ come il canzonatorio milione di posti di lavoro, annunciando la restituzione dell’Imu. Per garantire la necessaria copertura finanziaria all’operazione da 4 miliardi di euro, Berlusconi contava sui soldi, tra i 25 e i 30 miliardi, che sarebbero dovuti rientrare dalla Svizzera grazie all’accordo fiscale in cantiere tra Berna e Roma. «La restituzione dei soldi è certissima», ha ribadito proprio questa mattina il Cavaliere, annunciando, un po’ come faceva qundo negava solo un anno fa l’esistenza della crisi, che «la questione dei soldi non esiste». Ma, l’oste o ha imbrogliato, o ha fatto i conti sbagliati: la ministra elvetica delle Finanze ha, infatti, subito smentito che, in caso di accordo, si possa arrivare ad un’intesa in tempi utili.

L’ACCORDO ERA DI MONTI – «A causa del periodo elettorale in Italia, considerata l’incertezza sull’esito del voto, al momento è difficile prevedere quando si concluderà il negoziato, iniziato con il Governo Monti», ha precisato la ministra Eveline Widmer-Schlumpf, sottolineando che «comunque, pur ammettendo che l’accordo venga firmato entro la fine di quest’anno, è difficile pensare che possa entrare in vigore, prima del gennaio 2015». Intanto, la procura di Roma ha aperto un fascicolo intestato “atti relativi a”, cioè privo di ipotesi di reato e di indagati, in merito al caso della lettera sul rimborso Imu, a firma Silvio Berlusconi, recapitata a numerosi cittadini.  Insomma, quello stesso Silvio Berlusconi che riusciva, come un incantatore di serpenti, ad illudere milioni di italiani con i suoi accordi firmati in diretta su carta straccia sembra essere definitivamente all’ultimo round.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento