venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lunedì nero per le borse: segnale negativo e spread in rialzo
Pubblicato il 05-02-2013


Spread sale-Berlusconi

Le novità politiche del fine settimana di Italia e Spagna hanno iniziato a incidere sui Btp e i Bonos spagnoli, che già da ieri pomeriggio hanno registrato un aumento. Mentre Piazza Affari affonda e chiude con la performance peggiore in tutta Europa, lo spread, il differenziale tra Btp decennali italiani e gli omologhi Bund tedeschi, si impenna, chiudendo a 285 punti. Secondo il Wall Street Journal a pesare sulla caduta dei titoli bancari in tutta Europa vi sono le tensioni crescenti connesse alla situazione politica in Spagna, scossa dalla presunta corruzione che ha colpito il governo di Mariano Rajoy e il partito popolare. A rendere incerto il mercato internazionale influisce anche l’andamento pesante del Monte Paschi di Siena, al centro dello scandalo sui derivati, nonché l’incertezza legata alla campagna elettorale in Italia.

LE CONSIDERAZIONI DEL WSJ – Secondo il celebre quotidiano finanziario, nella sua versione online, a incidere sull’andamento dei mercati, oltre allo scandalo Mps, vi sono anche le promesse elettorali di Silvio Berlusconi che ieri ha annunciato che, qualora dovesse tornare a Palazzo Chigi, restituirà agli italiani quanto hanno pagato per l’Imu. Oltre all’evoluzione della campagna elettorale, il Wsj imputa la responsabilità anche all’incertezza che ha investito la Spagna, in seguito allo scandalo sui presunti pagamenti illegali al primo ministro spagnolo Rajoy e al suo partito.

BORSE DI MILANO E MADRID – Sul fronte della Borsa, l’indice Ftse Mib è in calo del 4,5% a 16.539 punti. A picco i titoli bancari con Unicredit cede il 7.38%, mentre Intesa Sanpaolo perde il 5%, seguita da Monte Paschi di Siena, -5,17%. A Madrid, il Banco Popular ha ceduto il 3% e Santander il 2,7%.

BTP ITALIANI E BONOS SPAGNOLI – In seguito alle novità che hanno interessato Italia e Spagna, i rispettivi spread hanno registrato un aumento: il differenziale tra Btp decennali e i rispettivi Bund tedeschi si è infatti attestato a quota 282, con un aumento record di 17 punti dallo scorso 9 gennaio; nella seconda parte della seduta era tornato verso quota 260, attestandosi a 265 punti; nel finale, però, si è nuovamente avviato verso la strada del rialzo, attestandosi a quota 285. Il differenziale invece tra Bonos spagnoli e Bund punti è a quota 354.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento