martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nencini, “Per l’Italia un nuovo governo che affronti i nodi da sciogliere”
Pubblicato il 28-02-2013


Nencini

«Aspettiamo con fiducia il ritorno in Italia di Napolitano. All’Italia serve un nuovo governo che affronti con urgenza alcuni nodi ancora non sciolti da quello in carica»: è quanto ha affermato il segretario del Partito socialista italiano e neoeletto senatore, Riccardo Nencini, nel corso di un colloquio telefonico avuto, ieri pomeriggio, con il leader democratico Pier Luigi Bersani. Un appello alla carica dello Stato che forse più di tutte, in questi anni, ha saputo giocare un ruolo chiave di equilibrio. Soddisfazione per il risultato elettorale, intanto, tra le fila del Partito: oltre a Nencini, infatti, il Psi ha riportato in Parlamento una pattuglia di 5 socialisti. Ad affiancare il segretario in Senato ci sarà Fausto Guilherme Longo, architetto urbanista di San Paolo del Brasile eletto nella circoscrizione del Sud America. I quattro deputati sono, invece, Marco Di Lello, Lello Di Gioia, Pia Locatelli e il tesoriere Oreste Pastorelli.

NENCINI, NECESSARIO INDIVIDUARE RAPIDAMENTE SOLUZIONI ALL’INCERTEZZA – «La situazione di incertezza politica che si è determinata con il voto ci impone la rapida individuazione di un percorso politico e istituzionale univoco e improntato alla massima responsabilità». Il segretario Nencini, in linea con quanto affermato da Bersani all’indomani delle elezioni, ribadisce dunque la centralità del ruolo di responsabilità che il centrosinistra deve giocare in un periodo così difficile per il Paese. «Ritengo perciò necessario tenere rapidamente una riunione dei vertici della coalizione Italia Bene Comune» continua Riccardo Nencini in una lettera indirizzata a Pier Luigi Bersani, Nichi Vendola, Bruno Tabacci.

CEFISI (PSI), BENE ELEZIONE SOCIALISTA LONGO IN BRASILE – Proprio commentando l’elezione di un candidato socialista al Senato nella circoscrizione estera dell’America Meridionale interviene Luca Cefisi, responsabile italiani all’estero del Psi, «È con soddisfazione che apprendiamo dell’elezione di Fausto Longo, esponente del Psi tra gli italiani del Brasile. Una vittoria resa possibile grazie anche all’unione delle forze di centrosinistra in una sola lista, che premia la presenza e il lavoro dei socialisti italiani in America Latina». «L’elezione di Fausto – aggiunge Cefisi – rappresenta l’Italia all’estero che lavora e si distingue, nel successo professionale e nell’impegno pubblico. Questa vittoria del centrosinistra è un segnale importante per tutti gli italiani all’estero dopo l’imbarazzo causato per anni dal governo Berlusconi».  L’esponente socialista ha concluso ricordando il ruolo svolto dalla società civile nell’appoggio ai socialisti: «È anche un successo di quelle associazioni di società civile e di tutela dell’emigrazione che hanno sostenuto la lista unitaria con coerenza, mettendosi al servizio della politica giusta».

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Riccardo, sono un compagno e un amico che non è nato ieri.
    Non ho votato mai nel corso dgli ultimi 30 anni una forza politica in cui non fosse direttamente coinvolto il partito socialista ma non ho esitazione a riconoscere che fu Bettino Craxi ad attirarmi la prima volta verso quest’area politica.
    Comunque del mio giudizio e del mio consiglio ti puoi fidare.
    Un programma di governo fatto di alti bei propositi va bene per la forma e per la faccia ma poi c’è la cruda realtà dei numeri, quelli della disoccupazione, delle tasse e della disperazione della gente che dopo essersi mangiato ormai tutto non ha più nulla da consumare per sè e i propri figli e non ha più futuro.
    Ecco, i nodi da sciogliere il PSI di governo cerchi di individuarli in questi ultimi aspetti se vuole essere riconosciuto davvero come forza socialista.
    Cordiali saluti

Lascia un commento