venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pistorius in aula: “Blade runner” in lacrime. Si va verso l’omicidio premeditato
Pubblicato il 15-02-2013


Pistorius-piange-tribunale

Oscar Pistorius e’ stato formalmente incriminato per l’uccisione della fidanzata modella la notte di San Valentino e rischia l’accusa di omicidio premeditato. In un aula gremita di giornalisti e cameraman venuti da tutto il mondo, il giudice ha deciso che “Blade runner” deve rimanere in carcere e ha rinviato il processo a martedì prossimo, 19 febbraio, “per dare alla difesa il tempo di fare ricerche”. Mentre gli inquirenti si apprestano a chiedere al magistrato di riqualificare il caso come “omicidio premeditato”.

LE INDISCREZIONI SULLE ORE PRECEDENTI L’OMICIDIO – Subito dopo l’incriminazione formale, il campione di atletica – che era arrivato al tribunale di Pretoria a bordo di una macchina, il volto coperto da una giacca scura – è scoppiato in lacrime e a nulla sono valsi i gesti d’affetto da parte dei familiari presenti, il padre, il fratello e la sorella. La mamma è morta quando Pistorius era piccolo. Intanto da alcune indiscrezioni della stampa sudafricana sono emersi dettagli sulla notte dell’omicidio che di fatto smonterebbero del tutto il già precario alibi di Pistorius, quello dello sparo per errore, al quale comunque la polizia non aveva creduto neanche ieri. Secondo il quotidiano Beeld, la polizia a è stata chiamata una prima volta due ore prima degli spari dai vicini che avevano sentito l’atleta e la modella gridare per tutta la notte. E poi una seconda volta attorno alle 3 dopo che gli abitanti del comprensorio hanno sentito gli spari. Inoltre, l’atleta avrebbe sparato alla fidanzata dalla porta del bagno. Anche oggi, Pistorius è in prima pagina sui principali media internazionali. I più critici sono i media sudafricani che lo hanno ribattezzato “Blade gunner”, dalla parola inglese “gun”, “pistola” e lo hanno descritto come un “paranoico”, un “amante delle armi” e un “collezionista di bionde con le quali spesso aveva delle discussioni”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento