martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sondaggi elettorali, a mezzanotte stop. Centrosinistra in vantaggio di 5-7 punti
Pubblicato il 08-02-2013


Elezioni 2013-sondaggi-SWGMancano poche ore al black out per la diffusione dei sondaggi elettorali: a partire dalla mezzanotte di oggi, infatti, e fino alla chiusura delle operazioni di voto del 25 febbraio, saranno proibite le rilevazioni di intenzione di voto degli italiani. Il dibattito, sempre più concentrato su tasse, lavoro e Imu, continuerà a colpi di presenze mediatiche e di “cinguettii” su Twitter, autentica novità di questa campagna elettorale. Secondo le recenti rilevazioni il distacco del centrosinistra dal centrodestra è tra il 5-7%. Il sondaggio, realizzato dall’Istituto Swg, ha evidenziato che la coalizione di Bersani è al 33,8% delle preferenze contro il 27.8% di quella del centrodestra. Acquista invece consensi il Movimento5Stelle che si attesta al 18.8%, mentre la coalizione di centro perde quasi un punto, fermandosi al 13%. Resta ancora consistente il cosiddetto “partito del non voto” che, tra indecisi e astenuti, è aumentato di un punto percentuale, raggiungendo 31%.

L’INCREMENTO DEL PD E DEL PDL – Il consenso nei confronti della coalizione del centrosinistra è cresciuto grazie alla ripresa del Partito democratico che è salito di mezzo punto, attestandosi al 29.5%. Sotto di dieci punti si trova il Popolo della Libertà, avanzato di 0.2 punti percentuali rispetto alla scorsa settimana. Perde invece consensi la lista di Mario Monti, “Scelta Civica”, al 9 percento. La lista “Lega Nord + Lista Tremonti” ha raggiunto e superato la soglia del 5% (5.2%), mentre Sinistra Ecologia e Libertà (Sel) di Nichi Vendola è al 3.6%.

LE PREFERENZE PER GLI ALTRI PARTITI – Tra i partiti che stanno perdendo preferenze di voto vi è l’Udc al 2.7%, la lista “Rivoluzione Civile”, guidata dall’ex pm Antonio Ingroia, al 4.1% e il partito di Giorgia Meloni e Guido Crosetto “Fratelli d’Italia”, che si attesta all’1%. In crescita, seppur contenuta, il partito guidato da Gianfranco Fini, “Futuro e Libertà” (Fli) al 1.7% e “La Destra” di Francesco Storace all’1.1%

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento