sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Voto Ratzinger
Pubblicato il 11-02-2013


L’annuncio delle dimissioni da Papa di Giuseppe Ratzinger ha destato stupore e ammirazione. Stupore perché non era mai accaduto che un Papa si dimettesse (la vicenda di Celestino V che rifiutò “per viltade” non è analoga, perché pare vi fosse stato costretto, e così quella di Gregorio XII, che risale al tempo in cui di Papi c’è n’erano tre). Il Papa non è un presidente del Consiglio che perde la maggioranza e neanche un presidente della Repubblica colpito da una grave malattia. I Papi possono reggere benissimo anche alle intemperie delle maggioranze che cambiano, anche perché dai conclavi passano una volta sola, e alle malattie resistono fino alla fine come è avvenuto nella tormentata odissea di Papa Giovanni Paolo II.

E invece Benedetto XVI ha voluto costituire un’eccezione anche in questo. E per questo desta ammirazione per una scelta di verità, di libertà, di laicità. Ratzinger è un Papa dell’intelligenza, della cultura, della razionalità. Un teologo e un filosofo, oltre che un musicista. Non può trasformarsi in un Papa della resistenza, della sofferenza, del dolore. Così, mentre la campagna elettorale si consuma tra promesse folli e battute risibili, vi entra a piè pari una notizia che solcherà le pagine della storia.

È la prima volta che accade e la prima volta nella Chiesa e molto di più della prima volta nella politica, e anche nella vita. È una prima volta che si presenta come un bivio dal quale d’ora in avanti nessuno potrà mai più esimersi. Una scelta che segnerà il futuro della Chiesa. E così la domanda che d’ora in avanti sarà ricorrente, a tredici giorni dal voto politico italiano, non sarà più: ”Chi sarà il prossimo presidente del consiglio?”. Ma: “Chi sarà il prossimo Papa?”. Anche nella cronaca, come confessò amaramente Filippo II al Santo Inquisitore nel Don Carlo di Verdi: “Il trono piegar sempre dovrà all’altare”. E stavolta lo ammetto, giustamente.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento