domenica, 19 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Agrigento, un altro omicidio tra la comunità romena dopo l’avvelenamento dei bambini. Si infittisce il mistero
Pubblicato il 17-03-2013


carabinieri

È orrore nella comunità romena di Agrigento.  Dopo il caso dei tre fratellini avvelenati a Naro, uno dei quali è morto per gli effetti devastanti dei pesticidi contenuti nei cioccolatini, un nuovo omicidio scuote la comunità romena che vive nei comuni dell’agrigentino. Questa volta la scena del delitto si sposta a Campobello di Licata, ad appena 13 chilometri da Naro. La vittima è ancora un romeno, questa volta di 40 anni. Il cadavere è stato identificato oggi dallo stesso amico che ne aveva denunciato la scomparsa alla polizia di Canicatti (Ag). Dell’uomo si erano perse le tracce da due giorni. Poi la svolta quando i carabinieri hanno ritrovato il corpo in contrada Fondachello.

LA POSSIBILE FAIDA TRA I ROMENI – La vicinanza tra Naro e Campobello, mezz’ora scarsa di strada tra i due comuni, e la nazionalità delle vittime coinvolte hanno fatto subito ipotizzare un collegamento tra i due delitti. La Procura di Agrigento, titolare delle due inchieste, però esclude un nesso. I magistrati sottolineano che l’uomo, assassinato, sarebbe arrivato a Campobello nei giorni successivi all’avvelenamento dei fratelli Lupescu. Un elemento che dunque farebbe cadere l’ipotesi di una vendetta; la famiglia Lupescu, interpellata dagli inquirenti, ha affermato di non conoscere il connazionale, giunto direttamente dalla Romania per lavorare in un’azienda agricola.

MISTERO SULLE MORTI, UN ROMPICAPO PER GLI INVESTIGATORI  – Rimane comunque il giallo. Un rompicapo per gli investigatori che stanno ascoltando decine di persone e in particolare la comunità romena, sconvolta dai due delitti. Sebastian Lupescu, 5 anni, era morto tre giorni fa per i postumi dell’avvelenamento, avvenuto, pare, abbandonando una scatola di cioccolatini avvelenati con un pesticida sull’uscio di casa. Distrutti dal dolore, i genitori Daniel e Marica Lupescu, continuano a chiedersi il perché di questo atroce gesto. Invocano giustizia per Sebastian, ma anche per gli altri due bambini, Alexandro e Inonout di 7 e 10 anni, anche loro avvelenati dai cioccolatini, ma fuori pericolo.

IL PESTICIDA USATO COME VELENO E’ VIETATO IN ITALIA – Gli esami tossicologici hanno appurato che il pesticida usato è vietato in Italia dal 2008, perché inodore e incolore. I cioccolatini erano in una busta di plastica assieme a una bottiglia di vino e delle arance, lasciata davanti la porta della casa della famiglia Lupescu. I ragazzini l’hanno presa e dopo avere mangiato i cioccolatini si sono sentiti male. Sul pesticida e sulla confezione dei dolci al caffé riempiti con la sostanza velenosa si concentrano le attenzioni dei carabinieri del Ris di Messina che sono a caccia di impronte digitali o di tracce di Dna per risalire all’autore della “trappola” mortale. La tesi privilegiata è che l’obiettivo dell’avvelenatore non fossero i bambini e che il gesto volesse essere una “punizione”, forse andata anche oltre le intenzioni, nei confronti di adulti, ma anche su questo fronte al momento mancano certezze.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento