domenica, 21 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Al Senato nasce il gruppo “Autonomie e Psi”. Nencini: «Una conquista della nostra autonomia»
Pubblicato il 18-03-2013


senatoPoche ore dall’avvio della XVII legislatura e già è nato “Autonomie e Psi”, gruppo parlamentare, al Senato, per le Autonomie composto dal senatore valdostano Albert Lanièce, dai senatori sudtirolesi e trentini, da due senatori a vita e dai neosenatori del Partito socialista italiano, Riccardo Nencini e Fausto Guilherme Longo. Si tratta di «una conquista della nostra autonomia» ha spiegato il leader socialista, mentre il senatore valdostano Lanièce ha sottolineato la possibilità, mediante il gruppo parlamentare, di «essere presenti in tutte le commissioni permanenti».

IL GRUPPO PARLAMENTARE AL SENATO – Nel complesso sono dieci i senatori che compongono il gruppo “Autonomie e Psi”, numero minimo per la sua composizione al Senato, così come previsto dal regolamento. Oltre a Lanièce, del gruppo parlamentare fanno parte tre senatori eletti nella provincia autonoma di Bolzano, Karl Zeller, Hans Berger e Francesco Palermo, due senatori eletti nella provincia autonoma di Trento, Franco Panizza e Vittorio Fravezzi, più due senatori a vita, Giulio Andreotti ed Emilio Colombo e i due neosenatori Riccardo Nencini, leader del Psi e Fausto Guilherme Longo, brasiliano e socialista da sempre, che ha ottenuto con 30mila preferenze in Sudamerica l’elezione al Senato.

NENCINI, LA NASCITA DEL GRUPPO É CONQUISTA NOSTRA AUTONOMIA –  La nascita del gruppo “Autonomie e Psi” rappresenta «una conquista della nostra autonomia. I socialisti avranno la propria indipendenza e la propria organizzazione autonoma» ha reso noto il segretario nazionale del Partito socialista italiano, Riccardo Nencini. L’annuncio della costituzione al Senato del gruppo ha suscitato il plauso e la soddisfazione di dirigenti e militanti del Psi che in queste ore stanno contattando telefonicamente, con email e sui social network il leader socialista per esprimere il compiacimento del partito per un’operazione condotta nel segno dell’autonomia. Dal Trentino Alto Adige alle isole di Sicilia e Sardegna, passando per la Liguria, continuano ad arrivare diffusi consensi per l’iniziativa parlamentare che consentirà ai socialisti di operare in piena ed assoluta autonomia politica e organizzativa.

LANIÈCE, CON IL GRUPPO PRESENZA ALLE COMMISSIONI PERMAMENTI – «L’esistenza di un proprio gruppo parlamentare comporta una serie di vantaggi ai fini dei lavori in Senato» ha spiegato il senatore Albert Lanièce. «Questo infatti ci consente di essere presenti in tutte le commissioni permanenti, di partecipare con un nostro rappresentante alla conferenza dei Capigruppo, e quindi influire sul calendario dei lavori, nonché di avere un maggior tempo a nostra disposizione nei lavori d’assemblea». «Va da sè che un gruppo parlamentare autonomo e numericamente ristretto ci consentirà di operare con maggior incisività per la tutela e l’ampliamento della nostra autonomia» ha poi concluso Lanièce.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. E’ dai tempi di Bettino che non si sentiva scandire con chiarezza la parola “autonomia” riferita al PSI. Appoggiamo senza condizioni l’iniziativa politica parlamentare del compagno Riccardo Nencini.

Lascia un commento