lunedì, 20 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

BERLUSCONI, OCCHIALI DA SOLE E ASCIA DI GUERRA: «DAREMO BATTAGLIA IN PARLAMENTO E IN PIAZZA»
Pubblicato il 19-03-2013


berlusconiPromette «battaglia nel Parlamento e nelle piazze». Il Cavaliere rispolvera la vecchia retorica del “salvatore della Patria” e “uomo della provvidenza” e torna sulle barricate: «la sinistra ha già due Camere con due nomi che ci preoccupano», dice Silvio Berlusconi nel corso del suo intervento alla riunione del Pdl, definendo la presidenza di Montecitorio a Laura Boldrini come una vittoria «dell’estrema sinistra». Insomma, mentre il mondo cerca di analizzare le sfide globali e si confronta con le problematiche del 21esimo secolo, l’analisi berlusconiana rispolvera il pericolo rosso, definendo Bersani un inaffidabile che aveva promesso apertura sulle nomine e che, invece, si è già preso tutto: per il Cavaliere, la presidenza del Senato «è andata a un pm, andando contro il sentire del 37,7% dei cittadini preoccupati per la “magistrocrazia”».

PRONTO COME VENT’ANNI FA A SALVARE LA PATRIA – «Io sono pronto come vent’anni fa a non dare il Paese che amo a questi signori della sinistra. Credo che sceglieranno anche il presidente della Repubblica, e allora daremo battaglia nel Parlamento e nelle piazze». Occhiali da sole sul volto, Berlusconi arringa i suoi come un capopopolo minacciando di sguinzagliare la piazza. Un’opzione che l’ex premier mette in conto nel caso Bersani ottenesse l’incarico con appoggio dei grillini. Insomma, proprio non ce la fa ad accettare le regole, e vuole imporre il suo volere, con le buone o con le cattive.

IL VENDITORE DI SOGNIE per imporre la sua volontà il Cavaliere non disdegna la vecchia tecnica di vendere sogni, una metafora per non dire che vende fumo: «Ho pensato molto al successo di Grillo. Noi da persone responsabili e esperte abbiamo detto e fatto cose concrete. I grillini hanno portato avanti un sogno rivoluzionario. Noi adesso dobbiamo inventarci qualcosa senza abiurare, da persone responsabili quali siamo, alle cose concrete. Dobbiamo presentarci come un sogno, come una rivoluzione italiana che porti i cittadini verso il benessere e la sicurezza».

LA CANDIDATURA DI BRUNETTA, “L’ITALIA MIGLIORE” – Mentre si critica la Boldrini e Grasso, è Renato Brunetta la migliore candidatura alla presidenza del gruppo parlamentare di Montecitorio che l’assemblea dei deputati del Pdl è riuscita ad indicare. Una nome che arriva, naturalmente, su proposta diretta del presidentissimo Silvio Berlusconi. La scelta verrà formalizzata ufficialmente nel pomeriggio di martedì, giornata in cui è fissata la riunione di tutti i gruppi su convocazione del Presidente della Camera. Brunetta era l’uomo del Cavaliere: «Indico Brunetta come capogruppo, mi auguro che vada bene a tutti e sia condiviso», avrebbe detto Berlusconi parlando all’assemblea, indossando gli occhiali scuri per ricordare a tutti l’uveite, il “male” che lo ha colpito nelle settimane scorse. «Conoscete la sua vis polemica», avrebbe aggiunto il Cavaliere ricordando che «Brunetta potrà continuare l’opera di Fabrizio Cicchitto». Le parole sono state accolte da un applauso.

AL SENATO IL PDL INDICA SCHIFANI – Una delle prime ad appoggiare la scelta di Brunetta da parte del Cavaliere è stata Stefania Prestigiacomo.  A mezzogiorno e mezzo, con un Tweet la pdellina ha annunciato: «Al nuovo capogruppo Renato Brunetta i migliori auguri di buon lavoro». Nel pomeriggio c’è stata invece la riunione del gruppo a palazzo Madama, dove il nome indicato dal Cavaliere è stato quello di Renato Schifani. Il presidente del Senato uscente è stato eletto per acclamazione.

«SPERO CHE MONTI NON SI CANDIDI COME CT» – E, nel corso della riunione per decidere il capogruppo del Pdl alla Camera, Berlusconi non poteva non dire la sua anche su Mario Monti: «Monti si è offerto come presidente della Repubblica ed è stato respinto con risate. Poi come presidente del Senato. Spero non si liberi il posto di ct della nazionale».

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento