martedì, 25 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cade aereo in Congo durante l’atterraggio: decine di vittime
Pubblicato il 05-03-2013


Congo-incedente aereoUn piccolo aereo che trasportava passeggeri e merci è precipitato ieri, schiantandosi al suolo, sulla città di Goma, nella zona orientale della Repubblica Democratica del Congo. Secondo le prime notizie diffuse dalla polizia locale sarebbero «decine» le vittime dell’incidente. L’aeroplano si sarebbe schiantato su un’area residenziale della città situata sulla costa del lago Kivu durante la fase di atterraggio. La città di Goma, è stata teatro, in passato, di numerosi incidenti causati, anche, dalle mancate riparazioni alla pista, ancora coperta di lava in alcuni punti a seguito di un’eruzione vulcanica nel 2002.

LA TESTIMONIANZA DEL GOVERNATORE – Secondo quanto ha riferito il governatore della provincia del Nor Kivu, Julien Paluku il velivolo precipitato sarebbe un Fokker della compagnia “CAA” che trasportava circa 50 persone. Paluku ha aggiunto che ci sarebbero almeno tre superstiti. Il volto della CCA era decollato dal Lodja, cittadina della provincia di Kasai, nel centro del paese africano.

IL CONGO UNO DEI PEGGIORI PAESI PER LA SICUREZZA AEREA – La Repubblica Democratica del Congo è uno dei paesi africani con il peggiore record per quanto riguarda la sicurezza dei cieli. Solo due anni fa, un incidente verificatosi nell’aeroporto della città di Kisangani, nel centro del Paese, aveva provocato 74 vittime. Sempre a Goma si era verificato uno degli incidenti più gravi nel 2008: un aereo con a bordo 85 persone precipitò durante la fase di atterraggio. In quel frangente i sopravvissuti furono soltanto sei.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento