domenica, 19 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

CONCLAVE, SECONDA FUMATA NERA. CRESCE L’ATTESA
Pubblicato il 13-03-2013


nera unitàIl comignolo ha fumato per la seconda volta. Nera. La Città del Vaticano, Roma e la cristianità dovranno aspettare ancora prima di conoscere chi sarà la prossima guida della barca di San Pietro. Lentamente la gente che affolla numerosa il sagrato della piazza comincia a defluire intasando ulteriormente il traffico già impazzito di Borgo Pio e mandano in tilt Piazza Risorgimento. C’è ancora chi ferma un gruppo di giapponesi che camminano ordinatamente cercando di vendere una visita guidata per il Vaticano, come si trattasse di un qualunque giorno lavorativo della Roma turistica: «very cheap, very cheap» promette la giovane guida indiana, ma il gruppo prosegue verso la piazza senza fermarsi.

LA DELUSIONE DI CHI DOVRA’ PARTIRE – “L’evento” oggi è un altro e il bagno di folla nella cornice di San Pietro da solo basta a soddisfare chi vive la sensazione di partecipare ad un evento storico di portata mondiale. «Si prevede che, man mano che le fumate si susseguono una maggiore quantità di persone affluisca. Fino ad ora non c’è stato alcun tipo di problema, noi siamo soprattutto impegnati a dare indicazioni e a indirizzare i flussi», dicono due carabinieri in servizio sotto il porticato proprio dove inizia a formarsi il serpentone umano per accedere alla Basilica. Alcuni, però, hanno la delusione stampata sul volto: «oggi è l’ultimo giorno. Siamo in visita con la scuola e, domani, dobbiamo tornare a casa», spiegano tristi dei giovanissimi ragazzi di Salamanca. Chissà, dice uno di loro, «magari ce la facciamo per oggi pomeriggio. Per me sarebbe bellissimo».

ROMA, CAPUT MUNDI – Non resta che aspettare. Fa spallucce un parroco della provincia di bari, con occhialini piccoli “alla tedesca” e un grande sorriso bonario: «io ora vado, ma tornerò più tardi». Cosa accadrà? «Non lo so, e non lo sa nessuno», dice, aggiungendo con un sorriso sornione: «o meglio, qualcuno lo sa, ma è troppo in alto per chiederglielo». Si aspetterà, dunque. A guardare le bandiere che sventolano su piazza San Pietro, dal Brasile allì’Ecuador, dalla Nuova Zelanda alla Polonia si capisce che  Roma, oggi più che mai, è caput mundi.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento