martedì, 16 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Evasione fiscale per Bulgari: maxi sequestro per oltre 46 milioni
Pubblicato il 14-03-2013


bulgariL’accusa è di dichiarazione fraudolenta e il sequestro preventivo riguarda il suggestivo immobile nel centro di Roma. Di oltre 46 milioni di euro, invece, è il valore del sequestro fra beni immobili e disponibilità finanziarie nei confronti del noto gruppo del lusso “Bulgari”. Questi i primi provvedimenti assunti da Gip del Tribunale di Roma nei confronti di Paolo e Nicola Bulgari, già azionisti qualificati e soci storici del gruppo. Sottoposti ad indagini anche Francesco Trapani, già rappresentante legale della capogruppo italiana e Maurizio Valentini, attuale rappresentante legale della capogruppo italiana. La decisione di disporre il sequestro del palazzo del gruppo Bulgari, sito nel centro storico della Capitale, stata assunta su richiesta del pool di magistrati coordinati dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani.

LA VISITA DELLE FIAMME GIALLE – Il sequestro dei beni immobili e delle disponibilità finanziarie nei confronti dei vertici del gruppo Bulgari ha un valore complessivo di oltre 46 milioni di euro. Secondo quanto emerso dalle indagini della Guardia di Finanza tra le disponibilità finanziarie figurano, oltre a rapporti bancari, assicurazioni sulla vita e partecipazioni societarie. Per tutti l’accusa è quella di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici, per aver sottratto al Fisco italiano, a partire dal 2006 circa tre miliardi di euro di ricavi, attraverso l’interposizione di società con sede in Irlanda e Olanda, costituite con il solo obiettivo di sfuggire all’imposizione fiscale in Italia. a,

LA NOTA DELLA GdF – Secondo la nota della Guardia di Finanza, tra le accuse ai vertici della società vi è anche quella di aver evaso, sempre nel periodo 2006-2011, una base imponibile Irap di oltre un miliardo e novecento milioni di euro, mentre ai fini Ires sembra che i ricavi evasi ammontino a oltre 293 milioni di euro.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento