lunedì, 20 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Vuota la bara di Chavez che ha sfilato a Caracas
Pubblicato il 09-03-2013


Chavez-funeraliSi infittisce il mistero sulla morte del “comandante” della rivoluzione “bolivariana”, Hugo Chavez. Secondo indiscrezioni di stampa, infatti, i venezuelani che hanno accompagnato il lungo corteo funebre che, per più di sette ore ha attraversato la capitale venezuelana Caracas in lutto per la morte del presidente, avrebbero pianto su una bara vuota. Secondo il quotidiano conservatore madrileno ABC, infatti, alcuni militari vicini all’establishment di Chavez, avrebbero rivelato in forma anonima che la bara contenente il corpo del leader morto dopo una lunga lotta contro un cancro alla zona pelvica, sarebbe stata svuotata dopo l’esposizione nella camera ardente.

MORTO A CUBA? – Le stesse fonti militari citate dall’Abc avrebbero anche confermato alcune voci già fatte circolare dall’opposizione venezuelana che indicavano che Chavez fosse in realtà deceduto a Cuba e non in Venezuela. Secondo la versione riferita dal quotidiano spagnolo il corpo del mandatario venezuelano trasportato nel complesso di Forte Tiuna, sede del Ministero della difesa e dell’Accademia militare della repubblica sudamericana. Lo “svuotamento” della bara sarebbe avvenuto proprio nel seminterrato del Forte, nell’unico momento in cui il feretro è sfuggito alle telecamere che, dal momento in cui è stata allestita la camera ardente, non hanno perso di vista “el Comandante”.

IL MITO DI CHAVEZ – I militari raggiunti dall’Abc hanno definito la presunta messa in scena del governo come il tentativo di aggiungere un altro tassello alla vicenda della scomparsa del leader venezuelano, sviluppatasi negli ultimi mesi, per alimentarne il mito presso la popolazione. Secondo le fonti, l’obiettivo, infatti, non sarebbe stato quello di un inganno fine a se stesso, ma piuttosto uno stratagemma escogitato per permettere di preservare il corpo che verrà imbalsamato ma, allo stesso tempo, creare un momento di pathos collettivo: «Hanno voluto mostrare le immagini di un corteo funebre imponente con un chiaro intento politico, permettendo alle persone di toccare la bara, in realtà vuota, senza compromettere l’integrità del corpo di Chavez. Inoltre non sarebbe stato consigliabile esporre il feretro al calore di Caracas per così tante ore», ha detto un militare che pare fosse a conoscenza del protocollo di sicurezza messo a punto in occasione del funerale.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento