lunedì, 22 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il papa che viene “dalla fine del mondo” e parla spagnolo
Pubblicato il 14-03-2013


papa francesco I

«Verrà eletto l’argentino» diceva una coppia di uruguaiani che vive da 40 anni in Italia nel piovoso pomeriggio della Città del Vaticano. Uno dei tanti pronostici ascoltati sul sagrato di piazza San Pietro. Difficile immaginare, fino a pochi minuti prima dell’Habemus Papam, quando la folla si era da poco acquietata, dopo l’esultanza seguita alla “fumata bianca”, in un’attesa carica di emozione, che quella predizione sarebbe stata quella giusta. Il primo Pontefice latinoamericano della storia, il primo Francesco, il primo non europeo da tredici secoli, dai tempi di Gregorio III. E, anche, il primo gesuita.

IL PAPA DEL POPOLO E DELL’AMERICA LATINA – «Sembra che i miei fratelli Cardinali siano andati a prendere il vescovo di Roma alla fine del mondo», ha detto Papa Francesco mentre parlava, Urbi et Orbi, dal balcone centrale della Basilica di San Pietro. Un messaggio chiaro e diretto, quello di Jorge Mario Bergoglio, 76 anni, arcivescovo di Buenos Aires che, si racconta, gira in autobus e ha rinunciato alla casa nel palazzo episcopale. Nello scorso Conclave fu il più votato dopo Ratzinger. Un segnale di rinnovamento che il collegio cardinalizio ha voluto mandare: di fatto, l’opzione “Francesco” come possibile nome papale aleggiava da un po’. Un’ ipotesi scaturita dalla necessità, dopo la scelta di Benedetto XVI, di dare un segnale forte, un segnale di povertà dopo tutti gli scandali, un segnale di apertura verso un continente che offre il 40 per cento dei fedeli alla Chiesa.

LA FIDUCIA – «Cominciamo un cammino di fratellanza, amore, di fiducia fra noi. Preghiamo l’uno per l’altro, per tutto il mondo, perché ci sia una grande fratellanza. Vi auguro che questo cammino di Chiesa che oggi cominciamo sia fruttuoso», ha detto Papa Francesco, che è subito apprezzato per la grande spontaneità, testimoniata anche da alcuni tentennamenti dalla voce. Spontaneità che testimoniata anche dalla sobrietà nell’indossare i paramenti papali. Francesco I ha voluto dare un segnale di semplicità anche nel modo di presentarsi: niente mantellina rossa, ha indossato solo al momento della benedizione la stola, che poi ha subito tolto. Piazza San Pietro, oggi, parlava tante lingue, ma soprattutto spagnolo. Ora anche la sua guida.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento