giovedì, 18 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sciopero trasporti, disagi in tutta Italia
Pubblicato il 22-03-2013


Sciopero trasporti RomaVenerdì nero per i cittadini di numerose città italiane: metropolitane e metro fermi e autobus introvabili a causa dello sciopero nazionale di 24 ore del Trasporto Pubblico locale (Tpl), indetto dai sindacati dei trasporti di Cgil, Cisl e Uil, Ugl trasporti, Faisa Cisal e Fast per sostenere il rinnovo del contratto del settore scaduto da cinque anni. Disagi nelle principali città italiane per chi deve spostarsi con i mezzi pubblici che, secondo i primi dati della Filt-Cgil in media si sono fermati in una percentuale pari al 75%.

FASCE DI GARANZIE GARANTITE – A Roma bus e metro si fermeranno dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 alla fine del servizio. A Milano mezzi fermi dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 alla fine del servizio. Il Comune ha annunciato la sospensione dell’area C. Possibili disagi anche per chi viaggia con le Ferrovie Nord: il servizio potrà subire ritardi, variazioni o cancellazioni. Garantiti i servizi minimi dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21. A Torino l’azienda del trasporto locale Gtt sciopera dalle 9 alle 12 e dalle 15 alla fine del turno di lavoro. Ferme anche le autolinee extraurbane dalle 8 alle 14.30 e dalle 17.30 a mezzanotte. A Venezia mezzi fermi dalle 9 alle 16.30 e dalle 19.30 alla fine del turno. A rischio anche i vaporetti, garantiti i collegamenti con le isole. A Bologna mezzi a rischio dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 alla fine del servizio, a Napoli mezzi fermi dalle 8 alle 17 e dalle 19.30 alla fine del turno, mentre a Palermo mezzi pubblici a rischio dalle 8.30 alle 17.30.

ALITALIA HA RIDOTTO I VOLI – In vista dello sciopero nazionale di oggi del personale navigante di Alitalia e di Alitalia CityLiner, Alitalia ha predisposto misure preventive per contenere i disagi, programmando una riduzione di alcuni voli previsti negli orari di agitazione, cioè dalle 12 alle 16.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento