martedì, 12 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ambiente, Andrea Nesi eletto presidente della Commissione Ambiente dell’Aics: «coltivare idee e progetti»
Pubblicato il 27-05-2013


Andrea Nesi-AicsAndrea Nesi, fondatore dell’associazione Ecovela Play, è il nuovo presidente della Commissione Ambiente dell’Aics, l’Associazione Italiana Cultura Sport. L’Aics, fondata nel 1962, è figlia di un’idea dall’allora ministro del Lavoro Giacomo Brodolini, socialista e padre dello Statuto dei Lavoratori che fondò l’Ente di Promozione sportiva. Nel corso degli anni, l’Aics ha esteso il suo raggio d’azione abbracciando le aree della cultura, delle politiche sociali, del terzo settore, del turismo, dell’ambiente, della protezione civile, fino alla formazione. Ma anche importanti battaglie politiche, come ricorda lo stesso Nesi all’Avanti!, sottolineando l’iniziativa che vede protagonista Ecovela Play per inserire ella Costituzione italiana il grande tema della difesa dell’ambiente. Un tema che «ha assunto una centralità che non può essere ignorata, soprattutto nel mondo globalizzato dove scelte produttive, di consumo e stili di vita di milioni di persone possono impattare violentemente su un bene universale da difendere e preservare», dice Nesi.

NO AGLI OGM – E il neopresidente della Commissione Ambiente dell’Aics ricorda anche un’altra importante battaglia che vede protagonista l’associazione di cui è fondatore, quello sugli organismi geneticamente modificati. «Riteniamo che gli Ogm possano rappresentare una minaccia per la qualità dei nostri cibi, soprattutto in un Paese come l’Italia che ha fatto della sua tradizione enogastronomica un punto di forza della propria cultura e della propria economia». «Per questo», continua Nesi, «abbiamo creato un manifesto che i circoli sportivi che vogliano aderire all’Associazione devono sottoscrivere che prevede, tra le altre cose, l’impegno a non erogare cibi Ogm e a diffondere i valori della dieta mediterranea, ma anche l’adesione ad un progetto di raccolta differenziata e, una volta l’anno ad una raccolta rifiuti volontaria documentata fotograficamente». Nesi sottolinea, inoltre che «si deve sottoscrivere anche una carta di adesione ai valori dello sport che implica opporsi strenuamente a qualunque forma di doping, anche quelle più “nascoste” come il consumo di bevande cosiddette “energizzanti”».

L’AICS – L’Aics è dotata di strutture territoriali regionali e provinciali in tutta Italia, assiste ed eroga servizi ai 14.000 circoli associati ed agli 800.000 soci tesserati. Da pochi mesi Bruno Molea, che nelle elezioni del febbraio scorso è stato nel frattempo eletto deputato, viene riconfermato alla  Presidenza per un secondo mandato. «Voglio ringraziare sinceramente il Presidente Nazionale Bruno Molea per la fiducia accordatami ed assicurargli il mio massimo impegno per condurre la commissione nazionale ambiente di Aics nella direzione auspicata: quella della concretezza», ha commentato Nesi. «In Aics vi sono già persone di alto profilo impegnate attivamente in ambito ambientale con le quali spero di poter interagire creando un gruppo capace di sviluppare idee e progetti ma sopratutto di implementarli», conclude Nesi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento