lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bobo poco Amato?
Pubblicato il 03-05-2013


Ci sentiamo spesso ricordare come il tempo sia galantuomo. È vero. Molti giudizi sono stati spazzati via. Pensiamo a quello su Craxi e sui socialisti. Alla luce di tutto quel che è avvenuto in questa disgraziata seconda Repubblica, dal suo fallimento politico, al peggioramento della condizione di vita degli italiani, alla corruzione individuale diffusa, è evidente che le litanie del passato restino solo un tenue, anche se doloroso ricordo. Eppure anche il recente episodio della mancata nomina di Bobo Craxi al governo fa capire che alcuni pregiudizi sono duri a morire. Questo riguarda anche le diverse scandidature di Giuliano Amato.

Prima presidente della Repubblica in pectore e poi presidente del Consiglio sicuro e infine ministro dell’economia del governo Letta preferito. E per tre volte rimesso candidamente in soffitta. Si tratta di post giudizi che restano impermeabili a tutti i mutamenti. E che riguardano i socialisti. Colpevoli non dei loro errori, che ci sono stati, mai delle loro ragioni, che si continua a disconoscere. Pazienza. Lo sappiamo. Essere stati collaboratori di Craxi è un torto grave, chiamarsi Craxi lo è ancora di più. Il problema non è cambiare i giudizi e nemmeno i pregiudizi, ma anche i post giudizi. Che sono ancora più che mai fallaci. Bisogna combattere ancora.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
    • caro “potenziale simpatizzante”
      tre osservazioni. Hai mai partecipato ad una manifestazione socialista per verificare la presenza di giovani? mi sai dire una proposta o una azione non giovane fatta dai “vecchi” socialisti? ripetere le fatte da altri che vanno di moda fanno invecchiare molto presto, usa il tuo cervello e studia un pò di storia del nostro Paese. Se ti ritieni un “potenziale simpatizzante” non ti sembra un po incoerente esordire con un “voltate pagina? Se si simpatizza per una forza politica vuol dire che si conosce questa forza, i suoi principi ispiratori, la sua capacità di attualizzare i problemi. Comincia a frequentare i nostri momenti di incontro, verificherai che i SOCIALISTI NON FANNO ETA’. fraterni saluti.

  1. Sono totalmente d’accordo con te ! Prima o poi capiranno, soprattutto gli ex comunisti, che questo paese ha necessità di avere una grande forza socialista se no non va da nessuna parte.

  2. Siamo alla solita difficoltà a pronunciare il termine socialista per chi ha dovuto cancellare il proprio retroterra storico. La sinistra italica vagherà nel nulla senza l’essenza socialista.

  3. Su Bobo Craxi nulla da dire, lo ritengo uno dei Socialisti più intelligenti e corretti, oltre che auspicabike leader di un socialismo che esca dalla melma del centro sinistra collocandosi in alto rispetto a tutto.
    Quanto ad Amato, un pessimo esempio, da dimenticare in fretta…

  4. E’ opportuno mettere nell’album dei ricordi per i socialisti Craxi e per gli ex-comunisti Berlinguer perché entrambi hanno commesso degli errori che la sinistra sta ancora pagando. E’ auspicabile parlare di “futuro” affinché i cittadini ritrovino l’ottimismo e il desiderio di far crescere questo paese per l’Europa e l’Italia.

  5. Guardate quello che sta succedendo in francia.chi si scaglia contro Hollande? I rinati comunisti francesi.Diamo il tempo ad Hollande e si dovranno ricredere,ma dai comunisti di ogni dove ce sempre stato l’odio di chi era diverso da loro e soprattutto Socialista.

  6. Si, i pregiudizi, i giudizi e i post giudizi negativi sul Partito Socialista Italiano sono duri a morire. Molti a sinistra sono socialisti in europa e anti-socialisti in italia. Conosco persone che sarebbero andate a piedi a votare Hollande in Francia ma non voterebbero mai il PSI. Altri oggi auspicano una nuova forza politica in Italia ispirata al PES, purché non si chiami socialista.. Insomma roba da psicanalisi… Speriamo che, con la seconda repubblica, finisca anche questa anomalia tutta italiana..

Lascia un commento