giovedì, 14 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

I LEADER DEL PSE SI RIUNISCONO A LIPSIA: DUE GIORNI DECISIVI PER IL SOCIALISMO EUROPEO
Pubblicato il 22-05-2013


SPD-PSE-socialismo europeo

Due appuntamenti cruciali per il presente e per il futuro del socialismo mondiale ed europeo. La cornice è quella di Lipsia, luogo simbolo nel cuore dell’Europa dove ebbe luogo la Battaglia delle Nazioni che sancì l’inizio del declino di Napoleone, ma anche città dalla quale partirono, nell’autunno del 1989, le manifestazioni che portarono alla caduta del muro di Berlino: un passaggio cruciale che segnò la fine della disastrosa esperienza comunista affidando definitivamente alla socialdemocrazia la piena sovranità, e la responsabilità di rappresentare la spinta progressista delle società europee e mondiali. In una cornice così carica di memoria avrà luogo la riunione dei leader del PSE che coinciderà con la celebrazione del  150mo anniversario del più antico partito politico tedesco, l’SPD. «Noi saremo presenti come unici italiani iscritti alla famiglia del socialismo europeo. Lì discuteremo la proposta di Hollande sulla necessità di una unione politica europea più autorevole e di un governo economico comune per i paesi dell’euro. Nel secondo appuntamento, il ricordo della fondazione del più antico partito socialdemocratico europeo e l’inaugurazione della campagna elettorale tedesca». Ad affermarlo, in un articolo scritto di suo pugno per il quotidiano Europa, è il segretario del Psi, il senatore Riccardo Nencini che sarà presente a Lipsia.

GLI STATI UNITI D’EUROPA – I leader socialisti d’Europa si incontreranno dunque per fare il punto sulla situazione politica e sociale che vive il Vecchio Continente, schiacciato dalla crisi e dalle politiche di austerity oltre che dall’incapacità di elaborare una visione per il futuro in linea con l’idea dei Padri Fondatori. Un’Europa che sia politica e che possa governare le proprie politiche economiche e monetarie, come ha ribadito il presidente socialista francese, François Hollande: «unione politica entro due anni» e «governo economico europeo» ha detto il Capo dell’Eliseo sgomberando il campo dalle ambiguità. Una proposta a cui plaude il ministro degli Esteri, Emma Bonino, che rilancia la formula di “Stati Uniti d’Europa” ribadita anche dal premier Letta nel suo discorso di insediamento, anche lui presente a Lipsia. La presenza di Letta all’appuntamento è vista con favore anche dal presidente dei deputati socialisti, Marco Di Lello, che ha dichiarato di apprezzare la scelta del premier di «partecipare al vertice dei leader socialisti e progressisti», perché è con loro che potranno e dovranno «costruirsi alleanze per cambiare l’Europa».

LA FAMIGLIA DEL SOCIALISMO EUROPEO – All’incontro di Lipsia si parlerà soprattutto, dunque, di socialismo europeo, un dibattito che si estenderà fino ad analizzare le forme e le strategie da intraprendere in futuro. Ma, anche del ruolo e delle scelte che i partiti che si identificano con il riformismo e la socialdemocrazia dovranno operare, prima tra tutte quella dell’appartenenza al Partito del Socialismo europeo. Per questo, il segretario del Psi, unico partito che in Italia incarna la famiglia dei socialisti europei, a Lipsia, si è impegnato a chiedere «ai vertici del PSE  di obbligare a un chiarimento quei partiti che, a parole dichiarano l’appartenenza alla famiglia del socialismo europeo, ma nei comportamenti  si muovono diversamente». Un’occasione per ribadire, se ce ne fosse ancora bisogno, che l’europeismo non è un vezzo, ma una necessità.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento